Calcio, il Ragusa va in finale di Coppa Italia, strapazzato il Kamarat

Finisce 1 a 4 e il Ragusa di Filippo Raciti si conquista la finale di Coppa Italia. Contro il Kamarat, Filicetti e soci hanno stravinto e domenica prossima ospiteranno lo Sporting Pedara, reduce dal successo sul Salemi nell’altra semifinale. Al “Di Marco” di Cammarata, il Ragusa ha messo la partita a proprio favore chiudendo il primo tempo addirittura sul 3 a 1. Oltre al migliore tasso tecnico gli azzurri sono stati avvantaggiati anche dall’espulsione di Vaccaro intorno al 40′ del primo tempo e dal doppio vantaggio acquisito all’andata, la settimana precedente.. In vantaggio con un bel gol di Vaccaro, i locali si erano illusi ma il Ragusa non è crollato ed anzi ha spinto di più trovando il pari con Gargiulo e il vantaggio, 10’ dopo, con Passewe. Poi il terzo gol di Butera. Nel secondo tempo il tecnico Raciti fa rifiatare Filicetti e Gargiulo ma l’inerzia della gara non cambia. Il neo entrato Linares colpisce il palo e Ricca nel finale fissa il risultato.
Kamarat-Ragusa: 1-4

Marcatori: 12’pt Vaccaro, 20’pt Gargiulo, 32’pt Passewe, 40’pt Butera, 35’st Ricca

Kamarat: Ilardi (53′ Scrudato), Como, Di Marco, Milioto (29′ Mangiapane), Reina S., Reina V., Giacalone (61′ Callea), Cairella (29′ Lio), Gnoffo (56′ Traina), Vaccaro, Savarino. All. Renato Maggio

Ragusa: La Licata, Tumino, Priola, Floro, Ricca, Lombardo, Butera (73′ Kinna), Furno’, Gargiulo (53′ Mogni), Filicetti (51′ Linares), Passewe. All. Filippo Raciti

Arbitro: Buzzone di Enna

Note: espulso Vaccaro all 39’pt

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI