Ispica, il Consiglio Comunale approva la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà per le coop edilizie

0
565

Importante provvedimento approvato ieri sera dal Consiglio. Comunale di Ispica. Si tratta della possibilità per le cooperative edilizie esistenti in città o per i loro soci singolarmente di potere trasformare il diritto di superficie, grazie al quale hanno edificato le loro palazzine su suolo concesso a suo tempo dal Comune, in diritto di proprietà. Operando la trasformazione, con il versamento di un contributo di 2mila euro ad appartamento per spese di istruzione pratica, i proprietari delle case in cooperativa potranno diventare proprietari anche dei suoli su cui sorgono le loro palazzine, ottenendo la piena proprietà dell’intero immobile che abitano.
“Era per noi una misura anche a carattere sociale di notevole importanza, attesa da anni dagli interessati”, affermano i capigruppo consiliari della coalizione che sostiene l’Amministrazione, Stornello, Gieri, Sessa e Sudano. “Da oggi – spiegano i quattro capigruppo – i soci delle cooperative edilizie non avranno vincoli di sorta nell’esercitare il pieno diritto di proprietà sul loro appartamento, potendo quindi vendere senza problemi e senza il rischio di perdere la proprietà dell’immobile alla scadenza della concessione. Per trasformare il diritto di superficie in diritto di proprietà occorrerà il versamento di un contributo di 2000 euro ad appartamento: complessivamente il Comune incamererà pertanto 220mila euro. Dobbiamo evidenziare – continuano Stornello, Gieri, Sessa e Sudano – l’impegno dell’Amministrazione comunale verso una zona, quella appunto dove si trovano in massima parte le palazzine in cooperativa, che prima era trascurata. È qui che a giorni inizieranno i lavori di sostituzione dei vecchi corpi illuminanti con quelli più efficienti a led. La stessa area sarà presto interessata dall’ampliamento della rete di distribuzione del metano, per cui l’Amministrazione, su sollecitazione del Consiglio comunale, ha già concordato con Italgas il percorso per avviare la realizzazione della rete a basso costo per i richiedenti. Sempre questo quartiere è oggetto di una serie di interventi di riqualificazione urbana: il tutto – concludono i capigruppo – in un’ottica di integrazione della zona con il tessuto urbano della città. Mai questa parte di abitato ha avuto attenzioni del genere dalle Amministrazioni comunali”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

17 + sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.