Senza stipendio i pulizieri degli immobili comunali di Ragusa, domani protesteranno

I dipendenti della ditta che gestisce l’appalto delle pulizie degli immobili comunali di Ragusa si riuniranno domani mattina, venerdì 29 marzo, nell’androne di palazzo dell’Aquila per manifestare tutto il proprio disagio in relazione al fatto che, nonostante gli impegni assunti con comunicazione dello scorso 20 marzo da parte della ditta in questione, nessun pagamento risulta ancora pervenuto in riferimento al saldo del mese di gennaio 2019 e alla completa liquidazione del mese di febbraio 2019. A darne comunicazione la Fisascat Cisl che tutela i diritti dei lavoratori in questione. “Purtroppo – sottolinea il segretario territoriale di Ragusa, Salvatore Scannavino – ci vediamo costretti ad agire in questo modo proprio perché la ditta, cooperativa Riso di Messina, non ci ha fornito alcun riscontro. Siamo a conoscenza di un problema relativo al Durc e per questo motivo il Comune non ha ancora potuto liquidare le fatture di gennaio e febbraio. Per domani mattina, tra l’altro, abbiamo chiesto di incontrare, in delegazione, l’assessore al ramo, Giovanni Iacono, e il dirigente del primo settore del Comune, Francesco Lumiera, per illustrare nel dettaglio la situazione di disagio con cui i lavoratori stanno facendo i conti e per chiedere, in qualità di stazione appaltante, un intervento sostitutivo che possa garantire delle risposte immediate ed efficaci. Contiamo di chiudere nella maniera migliore questa fase vertenziale”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI