Ragusa. Confesercenti e Unicredit insieme a sostegno delle micro imprese.

0
298

La Confesercenti  ha sottoscritto un accordo di collaborazione con Unicredit per avviare un programma di sostegno alle microimprese attraverso lo strumento del microcredito. L’accordo è stato siglato da Roberto Cassata, responsabile Relazioni con il Territorio Sicilia di UniCredit, e da Vittorio Messina, presidente di Confesercenti Sicilia.
“Il microcredito –spiega il direttore provinciale della Confesercenti di Ragusa, Massimo Giudice- è rivolto alle piccole imprese che sono spesso escluse dall’accesso ai prodotti e servizi bancari tradizionali. Si tratta di imprese per lo più composte da giovani che incontrano difficoltà ad avere finanziate le proprie idee imprenditoriali. Con questo nuovo strumento sarà più agevole l’accesso al credito”.
In particolare Confesercenti Sicilia, selezionata da UniCredit come partner del programma di microcredito, valuterà le caratteristiche del progetto e la sua sostenibilità economico/finanziaria e, in caso di valutazione positiva, predisporrà una relazione propedeutica all’apertura della pratica con la banca. “Un’occasione da non perdere – dice il direttore Massimo Giudice- pertanto invitiamo i tantissimi giovani che vogliono fare impresa a contattarci e a cogliere questa importante opportunità”.
L’accordo di collaborazione assegna a Confesercenti Sicilia anche l’esecuzione di alcuni servizi ausiliari, quali il supporto alla definizione della strategia di sviluppo del progetto e l’individuazione e diagnosi di eventuali criticità del progetto finanziato. UniCredit ha recentemente lanciato un nuovo programma, Social Impact Banking, che ha l’obiettivo di promuovere attività con un “impatto sociale positivo”. Il programma prevede, tra l’altro, la concessione di prestiti sino ad un massimo di 25.000 euro, garantiti dal Fondo europeo degli investimenti e/o dal Fondo centrale di garanzia per le Pmi, finalizzati all’acquisto di beni e servizi, al pagamento di retribuzioni ai dipendenti, al sostegno dei costi per corsi di formazione. 

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

13 − cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.