Giro di vite della Polizia municipale a Vittoria contro i terreni privati sporchi

0
323

Circa 30 proprietari di lotti interclusi (ovvero terreni privati situati all’interno dell’abitato di Vittoria) sono stati sanzionati dalla Polizia municipale, perchè tenuti in condizioni igieniche precarie.
I proprietari non hanno adempiuto all’obbligo di recintare i terreni e di tenerli puliti, al fine di evitare che gli stessi vengano utilizzati come discariche abusive e che diventino ricettacolo di topi e insetti. L’azione di monitoraggio e di verifica avviata dalla Polizia municipale ha consentito di sanzionare, dopo le opportune verifiche compiute attraverso le visure catastali, una trentina di proprietari che non hanno rispettato le norme: molti terreni erano pieni di erbacce e spazzatura, e in qualche caso erano stati recintati con pericolose palizzate in lamiera, che mettono a repentaglio l’incolumità pubblica. “Da tempo – dichiara il Vice Prefetto Giancarlo Dionisi – abbiamo avviato una campagna a tutela dell’ambiente e del decoro urbano, al fine di garantire la salute dei cittadini; abbiamo monitorato i cantieri edili, abbiamo effettuato verifiche su dove vengono gettati gli sfabbricidi e abbiamo proseguito i controlli sull’abbandono dei rifiuti lungo le strade. Il servizio di prevenzione e repressione effettuato dagli uomini del comandante Costa rientra in quest’ottica. Vogliamo una Vittoria pulita, a misura di cittadino, e stiamo lavorando in questa direzione”.
Oltre a dover pagare la sanzione, che ammonta a duecentocinquanta euro, i proprietari dei terreni dovranno ripristinare, a proprie spese, lo stato dei luoghi entro trenta giorni.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome