Aeroporto di Comiso: Vussia dice no a “pactum sceleris” e relazioni pericolose

A seguito delle analisi dei dati disponibili sui piani futuri del management e delle società di gestione degli aeroporti di Comiso e Catania, il Vussia, comitato dei viaggiatori del Sud Sicilia, denuncia ancora una volta la grave crisi che continua e continuerà ad attanagliare lo scalo casmeneo.

Secondo il comitato, i piani di sviluppo del “Pio La Torre” non si basano sul contenimento dei costi o sullo sviluppo del traffico, ma sulla disponibilità di risorse aggiuntive, che dovranno essere ottenute inevitabilmente a debito. “Il prestito che Sac, società partecipante a Intersac in liquidazione, a sua volta proprietaria di Soaco per il 65%, ha deliberato per un milione e duecentomila euro, è benzina sul fuoco”.

Secondo Claudio Melchiorre, presidente del comitato, “Comiso potrebbe resistere agli attuali regimi di costo solo se triplicasse l’attuale traffico passeggeri. Nella realtà, il traffico si è ridotto del 15% e gli operatori potrebbero non fidarsi di programmare la loro attività in un aeroporto che agisce come se fosse florido mentre è sull’orlo della bancarotta. Anzi, a norma di legge e secondo le dichiarazioni dei suoi stessi amministratori, in questa condizione di esaurimento del capitale e di impossibilità a fare fronte ai propri obblighi la Soaco già ci si trova, specie se si applicano gli stessi criteri che hanno portato nel 2012 la Sac a decidere di dare la ‘spallata finale’ a Wind Jet, peraltro senza ottenere il saldo del credito che vantava”.

Il Vussia esprime quindi perplessità e dispiacere per la notizia che il Comune di Comiso ha deciso di seguire la strada che “porterà, a nostro avviso, alla conclusione dell’avventura dell’aeroporto di riferimento. Ovviamente, non crediamo alla totale irrazionalità degli operatori: se la Soaco insiste a percorrere una strada fallimentare, vi sono due possibilità: o una grave inadeguatezza gestionale o un piano scellerato.”

Il Vussia fa un appello perché queste ipotesi siano sgombrate dal campo. “I cittadini sono il vero socio di maggioranza dell’aeroporto di Comiso e per questo chiedono, per ragioni di opportunità, di avere amministratori immuni da relazioni pericolose, che escludano quanti hanno beneficiato del ‘sistema Montante’, finché la vicenda dell’ex capo di Confindustria nissena e di tanta parte del sistema delle Camere di Commercio non sarà chiarito.”

Il comitato ha infine chiesto che si inverta la rotta, verso una gestione produttiva, nell’interesse dell’impresa Soaco e dei viaggiatori che segni un’inversione di rotta, allontanando la Soaco dall’attuale condizione di rischio. “Non va dimenticato che, a parte una piccola quota in liquidazione, tutti i soci, diretti e indiretti della società di gestione sono enti pubblici. Noi crediamo che in questa storia vi siano funzionari che giocano a fare gli imprenditori con i soldi di tutti, incuranti dei costi, incuranti dei rischi.”
“Anche questo atteggiamento, a giudicare dalle notizie diffuse, ha fatto parte di quello che i giornali chiamano ‘il sistema Montante”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI