Nascondevano 5 kg di marijuana fra la biancheria intima. Cosenza, in manette due vittoriesi e una comisana

0
1123

Due donne di Vittoria e una di Comiso sono state arrestate per droga dai carabinieri di Corigliano Calabro, in provincia di Cosenza, per droga. Nel corso di un posto di controllo sulla SS. 106 radd., i militari della Stazione di Rocca Imperiale hanno fermato un Suv, condotto da una donna. All’interno altre due donne, tutte con accento siciliano. Alla richiesta di esibire i documenti di riconoscimento, le due passeggere non si rifiutavano mentre la conducente affermava di aver dimenticato a casa la patente di guida e forniva delle generalità ai militari che, però, risultavano false ai controlli in banca dati, facendo insospettire i militi, che incalzavano la donna, la quale, con non poca esitazione, affermava di avere fornito le generalità false perché le era stata ritirata la patente di guida. L’attenzione dei Carabinieri, però, veniva attirata sia dalla crescente agitazione delle donne all’interno del veicolo ma anche da un odore tutt’altro che sconosciuto, che proveniva dal portabagagli del veicolo e cioè quello acre tipico della marijuana.
L’autovettura e le tre donne venivano sottoposte a perquisizione in caserma dove i sospetti non tardavano a diventare conferme. Nel portabagagli, all’interno di un borsone, fra biancheria intima e pantaloni, erano celate sette buste sigillate contenenti quasi 5 kg di marijuana purissima.
Le tre donne provenievano dalla Puglia con direzione Sicilia ed era quindi verosimile che le stesse avessero appena acquistato l’ingente quantitativo di sostanza stupefacente e lo stessero portando nel ragusano.
Sono state identificate in I.I., 44 anni, C.S., 40 anni, entrambi di Vittoria, e D.G., 49 anni di Roma, ma residente da lungo tempo a Comiso. Per tutte sono scattare le manette per detenzione ai fini di spaccio di ingenti quantità di stupefacente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

sedici − dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.