Arrestati nella spiaggia di Montalbano a Punta Braccetto. Condannati quattro pusher tunisini

Il giudice monocratico del Tribunale di Ragusa, Filippo Morello, ha condannato Oualid Chaaraoui, 45 anni, a 8 mesi di reclusione, difeso dall’avvocato Massimo Garofalo, Fethi Khabthani, 40 anni, e Abdelwaheb Guesmi, di 32 anni, difesi dall’avvocato Enrico Platania, a 2 anni e 8 mesi di reclusione ciascuno, e Marmouri Sofien, difeso dall’avvocato Franco Rovetto, a 8 mesi di reclusione. Ha, invece, assolto per non avere commesso il fatto, Mohsen Ziroud, 43 anni, difeso dall’avvocato Rovetto.
Si tratta del processo nei confronti delle cinque persone, tutte tunisine, arrestate, per l’appunto, coinvolte nel blitz antidroga eseguito della Squadra Mobile in spiaggia, tra i bagnanti, a Punta Braccetto il 29 agosto del 2015.

Il pubblico ministero, Concetta Vindigni, aveva chiesto la condanna per tutti a un anno e sei mesi di reclusione.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI