Cerca
Close this search box.

Festa di San Giorgio a Modica e bande musicali. L’assurdo

Tempo di lettura: 2 minuti

Finiti i festeggiamenti pasquali, a Modica si comincia a pensare a quelli del co-patrono San Giorgio, previsti per il prossimo 28 aprile. All’orizzonte si profila una forte contrapposizione, specificatamente per la scelta della banda musicale che accompagnerà il simulacro per i circa 12 km di processione. A Modica operano due bande: la “Civica Filarmonica” e la “Belluardo-Risadelli”, peraltro molto apprezzate. Negli ultimi anni sono state accontentate entrambe, visto che si sono spartite il tragitto, alternando le marce. Del resto quest’anno, in occasione della “Madonna Vasa Vasa”, è stato così tanto che le due ensamble hanno eseguito alcuni brani all’unisono, suscitando consensi tra la gente.

In occasione dei festeggiamenti di San Giorgio, però, pare che gli organizzatori siano intenzionati a chiamare la Banda Musicale di Comiso in accoppiata con la “Belluardo-Risadelli. Un vero “affronto” per la città di Modica che si troverebbe senza potere utilizzare una delle sue importanti potenzionalità locali, nel caso,  la “Civica Filarmonica”. Assurdo!

532729
© Riproduzione riservata

23 commenti su “Festa di San Giorgio a Modica e bande musicali. L’assurdo”

  1. Orazio ispettore privato

    Boh! Mah! Sembra una questione di austerità , se così fosse presentino le offerte al ribasso : e uno è due e tre e sarà aggiudicato !!!

    2
    8
  2. Biasimevole e disonorevole. Gli organizzatori dovrebbero promuovere le risorse di Modica … i modicani suonerebbero con passione al proprio patrono. Per le bande di fuori sarebbe un lavoro da sbrigare per fare qualche soldo.
    VERGOGNA

    15
    3
  3. Non si sta rispettando il principio di funzionamento e distinzione tra le feste cittadine e le feste parrocchiane.
    Già dai tempi del commissario straordinario e successivamente con la nostra attuale sindaco Dott.ssa Monisteri, l’amministrazione del comune di Modica nel 2022 ha deciso che le Bande della città devono essere entrambe partecipi, a questi eventi di grande richiamo e che usufruiscono del contributo regionale, così come fatto per le festività di Pasqua, il patrono San Pietro e la Madonna delle Grazie. Invece per le feste parrocchiane, l’organizzazione della festività decide in autonomia la programmazione e la gestione dei propri fondi (non regionali).

    15
    1
  4. Scusate dove sta l’assurdo? Chi paga? E’ il comune? Se non è il comune, e se le risorse locali non piacciono per qualsivoglia motivo, possono chiamare anche la banda di Bolzano.

    7
    14
  5. Roberto Strack

    San Giorgio come la Madonna vasa vasa e la Madonna delle grazie usufruiscono del contributo pubblico, pagato con i soldi di tutti. San Giorgio è una festa cittadina non solo della parrocchia. Non vedo perchè in una festa cittadina dei modicani non possano suonare con il cuore per il proprio patrono, invece di chiamare gente da fuori che lo fa solo per denaro.

    Il parroco cosa dice?

    12
    2
  6. È una semplice ripicca tra “bande”. Non nascondiamoci dietro ad una pagliuzza. Ridicolo chi ha preso questa decisione : è un poveraccio! L’amministrazione dovrebbe intervenire chiamando una sola banda, quella di Comiso. Gli altri a casa a suonarsela da se!

    3
    11
  7. Chiedo scusa, ma si sta commentando in conseguenza di erosione di fegato o esistono prove che dimostrano quanto viene scritto? Altrimenti sono solamente illazioni. Esiste un qualche contratto che obbliga a chiamare l’una, l’altra o entrambe le associazioni? O si continua a pensare che si deve andare avanti per diritti acquisiti chissà come? Per quanto mi riguarda, “a sentimento”, un presunto diritto acquisito, una precedenza se vogliamo, poteva essere data alla vecchia associazione “banda CITTA’ DI MODICA”, perchè era appunto la banda della città. Tale denominazione, ultradecennale, che rappresentava l’associazione nella quale hanno suonato i nostri nonni e genitori, è stata ripudiata, cancellata effettuando un rebrand (forse per comodità di bilancio? Non lo so) che ha come simbolo la chiave di basso alla stranger things. Quindi ora scusate, ma cosa si sta cercando? La banda “città di modica” non esiste, non ci sono precedenze, se vuoi essere assoldato devi dare qualità, devi dimostrare di valere. Se dovete affidare un lavoro ad un muratore, o un elettricista, o quello che volete… scegliete quello che più vi aggrada o quello che frigna di più? Suvvia…!

    6
    11
  8. Organizzatori…la festa di San Giorgio essendo patrono della città di modica si dovrebbe organizzare uno spettacolo musicale nelle scalinata ma non i picciotti di Vasco , parliamo di un gruppo che suona nei locali , ma di un gruppo.di importanza famositá ( non me ne vogluono quelli del gruppo.bravi ) e ogni anno ce ne una nuova , la Banda , i fuochi , le illuminarie , meno male che da Modica abbiamo ex sindaco alla Regione .,e alla fine dove si investe

  9. La verità fa male

    Tutti ci danniamo a scrivere che dovrebbero suonare i modicani, che è più giusto etc etc. Ma forse l’opinione pubblica non sa che alcuni modicani preferiscono non suonare né per la Madonnina di Pasqua (soprattutto la versione serale tant’è che per anni ha suonato sempre la stessa banda e quest’anno qualcuno li ha convinti dopo non poche peripezie), né per San Giorgio poiché ritenuta troppo pesante snobbando proprio le nostre feste. Inutile farsi tante domande, cercare colpevoli, chi è causa del suo mal pianga se stesso invece di andare a piagnucolare a destra e a manca a cose fatte. Ci pensassero prima.
    La verità fa male e nessuno la dice.

    4
    6
  10. Invece di sparare sciocchezze a nastro, e l’articolo lo consente perche non dice tutta la verità sui fatti che hanno determinato questa scelta nei portatori di San Giorgio, ovvia ed economica peraltro, è che sembra che la Filarmonica abbia chiesto 5.000,00 Euri per la loro prestazione, una cifra con cui a Modica si possono portare ben 5 bande da altri Comuni della provincia. Ma quello che è più grave è che sembra che l’attuale manovratore comunale non ha concesso nessun finanziamento ai portatori. Ci si chiede allora che fine hanno fatto i tanto sbandierati 40.000,00 Euri sembra ottenuti, con la baionetta in bocca, “dall’innominabile” consigliere per le feste di San Pietro, Santa Maria delle Grazie, la Madonna Vasa Vasa e appunto San Giorgio? Sarà un altro bluff, uno dei tanti, “dell’innominabile”?

    3
    5
  11. evangelico palermitano

    Voi cattolici e modicani per giunta siete ben strani e fors’anche presuntuosi. Mi spiego meglio : avete voluto fare una festa grandiosa ad una persona di cui , per quanto sia venerata in tutto il mondo , non si dispongono notizie vere e attendibili , se non notiziette verosimili mischiate con la leggenda ; per forza di cose il simulacro non può somigliare assolutamente a questa persona e voi lo trattate come la persona stessa , per non parlare della buffo-burattinata del fidanzamento con santa Margherita vissuta in un secolo diverso . In sintesi il buon senso popolare modicano unito a orgoglio identitario e autocelebrativo hanno prodotto una festa pagana , idolatriica e burattinaia , che fa torto anche alla vostra stessa fede cattolica , per non parlare delle ragazze che toccavano le parti intime del cavallo , come per ricavare buoni auspici al futuro matrimonio o dell ‘incontro con i tifosi del modica che dimostra al 250 % quando qui affermato , la festa 🥳 appare oggi come non mai una vetrina pubblicitaria per la città e per i commercianti . E visto l ‘indebitamento del vostro comune non andrebbe fatta in questa maniera , né ora e né mai , mentre voi leggete me la do a gambe levate ..ahahaha

    7
    2
  12. Articolo che non tiene conto di un dato inconfutabile e che il buon giornalismo dovrebbe sempre filtrare: la prima banda è “incaricata” dal comune e quelle modicane lo sono ogni anno in modo alternato.
    La seconda banda è “incaricata” dall’associazione dei portatori; certamente è prevalentemente il prezzo a determinare la scelta.
    Il resto dei commenti e dell’articolo è fuorviante e pretestuoso

  13. Orazio ispettore privato

    Non spetterebbe a me difendere il cattolicesimo , che ha permesso che cristianesimo, folclore e devozione popolare si mescolassero in certe manifestazioni chiassose o esibizionistiche , ancestrali e archetipiche sublimazioni. Però il personaggio pare sia esistito realmente , una pietra con un iscrizione lo testimonia quasi scientificamente , presumibilmente era stato un centurione delle milizie romane giustiziato con la decapitazione per non aver adorato gli dei e rinnegato il Cristo . Certo la festa che pare confezionata dal popolo e poi rivisitata ai fini turistici e quindi commerciali andrebbe rivisitata e resa più conforme al significato della santificazione , in questo caso , per martirio. Il pedofilo è in parrocchia??? Dimenticavo , dubito che ne’ io ne’ tutti i portatori del simulacro saremmo capaci di dare la vita per Gesù come il santo martire eppure ci diciamo cristiani.

  14. orazio ispettore privato

    Una Margherita D’Antiochia era nata in Turchia nel 275 come san Giorgio , dalle mie investigazioni risulta che era consacrata a Cristo e aveva promesso a lui la sua verginità , ma il fidanzamento con il santo martire non è da escludere totalmente , sempre che si tratti della stessa santa alla qualeè dedicata la chiesetta della cittadina di Modica.

  15. La verità fa male

    Mah.
    Appunto.
    Quest’anno quale doveva essere la prima banda? La filarmonica di Vienna. Quindi? Si avvalora la tesi che non hanno voluto suonare.
    La verità fa male.

    2
    1
  16. Tante persone fanno parte dei portatori , e ne sono orgogliosi, anche se hanno peccato scontano i peccati portando il santo per 12 km sulle spalle, il percorso della processione tocca tanti punti di Modica che per l’occasione balzano all’attenzione, Grande onore viene dato a Nino Baglieri , meritatissimo.
    Sarebbe bello se la parte sacra della festa fosse altrettanto attenzionata come quella folcloristica.
    La festa i portatori , i bummi , i piretti , i famosi giri dentro la chiesa, non si toccano, non si criticano, perché fanno parte del patrimonio culturale Modicano ,e affondano le radici in secoli di storia .
    Guerra fra bande non mi interessa.

  17. Luna dal monte, birra e panino

    Guerra? Da ridere a crepapelle. Fra chi poi? Sembrerebbe, da indiscrezioni, che la Banda città di Modica non sia mai stata invitata a nessuna riunione, cosa che è avvenuta con l’altra associazione. Sembrerebbe pure, sempre da indiscrezioni uscite dal palazzo, che la banda da strada avesse rifiutato la partecipazione per motivi futili legati al fatto che doveva suonare dietro al Santo (come da turnazione quasi decennale) e quindi più pesante e per soldi. Successivamente li hanno quasi obbligati a suonare, non si capisce bene la motivazione ed eccoli di nuovo rispuntare come spunta la luna dal monte mentre la si ammira con un panino e una birra offerti. Sembrerebbe pure che non suonerà davanti al Santo ma che, quasi per punizione, suoneranno a distanza, davanti a tutto e tutti, dietro al Busto. Fermo restando che avendo ‘denigrato’ il Patrono e la di Lui festa non avrebbero dovuto suonare, come ci si può far umiliare per 1 monetina, un panino e una birra al calar del sole?
    Umiliati e felici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top