Cerca
Close this search box.

Presidio di Libera Modica alla memoria di Lia Pipitone

Tempo di lettura: 2 minuti

Tutto pronto per l’intitolazione del presidio di Libera Modica alla memoria di Lia Pipitone, vittima della mafia, giovane donna e madre assassinata per ordine del padre boss mafioso palermitano.
La cerimonia è prevista oggi alle 18.30, presso il Parco Urbano “Padre Basile” dove da tempo opera per il quartiere il Cantiere Educativo di Crisci Ranni.
Il programma oltre ai saluti istituzionali prevede gli interventi di Vittorio Avveduto, co-referente regionale di “Libera” Sicilia e coordinatore provinciale per il territorio ibleo, di Francesco Rendo attuale referente di presidio, di Alessio Cordaro figlio di Lia Pipitone e di Salvo Palazzolo giornalista di Repubblica.
La manifestazione si concluderà con la firma del Patto di Presidio, il cui obiettivo sarà quello di mettere al centro la memoria e l’impegno del presidio, della rete e dell’intera comunità cittadina.
“Il presidio – spiega Francesco Rendo – ha scelto la figura di Lia Pipitone perché i suoi valori di libertà e indipendenza devono ispirare la nostra azione e la nostra attività. Lia ha deciso di spezzare le catene della mafia, lo ha fatto per lei, per la sua voglia di libertà e per suo figlio. Il nostro compito non sarà solamente quello di intitolare il presidio, ma anche quello di praticare i valori per cui Lia si è battuta”.

516331
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top