Il tallone d’Achille della sinistra…e la destra?…l’opinione di Rita Faletti

Tempo di lettura: 2 minuti

La destra ha vinto e lo scandalo è che ha già iniziato a fare la destra. La sinistra non si capacita di come sia possibile che un partito con quella storia alle spalle, FdI, dopo aver vinto, e per colpa di quella orribile legge elettorale, il Rosatellum, che solo un fedelissimo di Renzi poteva architettare per fare un dispetto futuro al Pd, pretenda di mettere a soqquadro un éstablishment fondato sulla superiorità morale di chi sostiene tutte le battaglie di libertà. Così, come uno più uno fa due, è partito il fuoco d’artiglieria contro il decreto anti-rave, la norma “liberticida” voluta dal ministro dell’Interno  Piantedosi, che punisce “l’invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica” e prevede multe fino a 10,000 euro e sei anni di detenzione per gli organizzatori di raduni illegali. Pene obiettivamente esagerate. Ma non è questo il punto. Il Pd chiede che la norma venga immediatamente ritirata perché “lede la libertà di manifestare”, rivelando il retropensiero che possa essere estesa a manifestazioni  o cortei studenteschi, occupazioni di scuole e università, movimenti di protesta, tradizionalmente vicini alle sinistre. Una levata di scudi che non si comprende perché l’ordine pubblico e la sicurezza, diritti garantiti in un paese civile, non dovrebbero avere colorazione politica e Giorgia Meloni lo evidenzia e sottolinea affermando di essere orgogliosa della norma di cui si assume la responsabilità. Sottrae così a Letta e al limitato Conte, che ha parlato di stato di polizia, bum bum, per collocarsi a sinistra della sinistra, la difesa dei diritti essenziali: sicurezza e ordine pubblico, e allinea l’Italia ai paesi  in cui esiste una chiara regolamentazione dei rave party. In Belgio e Olanda le autorità municipali hanno l’obbligo di rilasciare permessi, in Francia e Gran Bretagna le leggi sono più severe, in Germania i rave sono autorizzati a condizione che rispettino determinate misure, sicurezza e igiene, e non disturbino la quiete pubblica. In Spagna si applicano pene per eventuali reati contro la salute pubblica, il traffico di droghe e la resistenza a pubblico ufficiale. Negli Stati Uniti il rave confina nell’illegalità quando è improvvisato con l’occupazione  non autorizzata di edifici, gli allacci elettrici abusivi, la presenza di droga (tranne la marijuana) e il volume troppo alto: tutte circostanze che costituiscono singoli reati perseguibili dalle forze dell’ordine. In quei paesi i rave sono sostanzialmente manifestazioni musicali. L’Italia, che in cose di poco conto trae ispirazione dall’estero, quando si tratta di prendere posizione contro l’illegalità, che è una cosa seria, è renitente, facendo di tutti i diritti a sfondo ideologico un fascio, il vero tallone d’Achille delle sinistre evanescenti. Opposizione dura sì, ma non insensata, come il benaltrismo: e Predappio? Non credo si possa assimilare un evento folcloristico, camicie nere e saluti romani, che si ripete da anni nel completo disinteresse della sinistra quando è al governo, a raduni di giovani dove musica martellante, alcol e droga sono gli ingredienti principali. Di segno opposto, invece, ma che conferma la tolleranza nei confronti di comportamenti manifestamente illegali, il reintegro del personale medico no-vax. Come mai tanto rigore sui rave e tanta  remissività con chi ha trasgredito le regole mettendo a rischio la salute dei pazienti e dimostrando scarsa fiducia nella scienza? Meloni deve compiacere i suoi elettori, molti dei quali hanno votato per FdI proprio per la sua posizione critica e ambigua nei confronti dei vaccini. Palese acquiescenza al populismo e alla spiccata propensione italica a trasgredire le regole.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

38 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI