Modica, Patrizia Giunta era già stata operata 10 anni fa

Tempo di lettura: 2 minuti

Dieci anni fa si era sottoposta a un intervento di bypass gastrico in un ospedale di Genova, ma da alcuni mesi era ingrassata di nuovo e aveva deciso di effettuare una «revisione» dell’operazione, scegliendo una clinica di Messina, dove è stata operata a fine maggio. Sono i nuovi particolari emersi sulla vicenda di Patrizia Giunta, la signora di 47 anni di Modica deceduta la notte tra sabato e ieri (domenica 14 agosto) all’ospedale Papardo, della città dello Stretto, doveva era stata ricoverata d’urgenza. Dopo l’operazione nella clinica privata, infatti, la paziente aveva avuto una serie di gravi complicazioni e – racconta il legale della famiglia della signora, l’avvocato Giuseppe Pellegrino – non era stata mai dimessa dalla struttura, fino al precipitare della situazione e il ricovero in Terapia Intensiva all’ospedale dove è morta la notte tra sabato e domenica.

I familiari della paziente hanno presentato una denuncia al commissariato di Modica, ma l’inchiesta verrà condotta dalla Procura di Messina che già da ieri è in contatto con l’ospedale e la clinica e sta acquisendo la documentazione. La famiglia ha chiesto l’autopsia per fare piena luce su quanto accaduto. Patrizia Giunta lascia il marito e due figli di 18 e 20 anni.

Il bypass gastrico ha lo scopo di ridurre la dimensione dello stomaco e quindi far dimagrire rapidamente. Il bypass riduce l’introito alimentare, diminuendo la fame e accelerando il senso di sazietà. La perdita di peso media globale è intorno al 60% del sovrappeso (cioè dei chili in più), con un buon mantenimento del peso perso oltre i dieci anni. È una metodica è stata molto praticata negli Stati Uniti negli ultimi 20 anni ed è oggi diffusa in tutto il mondo; tuttavia, rispetto ad altre tecniche, alcuni medici fanno notare che i tempi dell’intervento chirurgico e dell’ospedalizzazione sono più lunghi e il tasso di complicanze più elevato.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI