Cos’è l’olio motore e quando cambiarlo

Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi gli intervalli di sostituzione dell’olio sono dettati dalle norme di servizio. Dice che l’intervallo ottimale è di 10-15 mila chilometri. Molti proprietari di auto a volte si fidano ciecamente delle norme, dimenticando che si tratta solo di cifre approssimative. In realtà, tutto dipende da una serie di fattori che devono essere presi in considerazione.

 

 

 

Cosa influisce sull’intervallo di sostituzione dell’olio?

Di norma, i fattori principali sono cinque:

  1. Età e condizioni tecniche del veicolo.
  2. Dati relativi allo sfruttamento del veicolo.
  3. Qualità del carburante.
  4. Tipo di olio motore.
  5. Raccomandazioni dei produttori di olio.

Quali sono i tipi di olio motore

Gli oli moderni differiscono per composizione, marca, produttore e, naturalmente, ognuno ha un proprio intervallo di sostituzione.

Olio motore sintetico

L’olio sintetico viene prodotto per sintesi chimica. L’olio ha un’elevata fluidità, sopporta stabilmente le alte e le basse temperature. Gli oli motore sintetici possono essere utilizzati sia nei motori a benzina che in quelli diesel, tuttavia l’olio sintetico è controindicato per i motori con un elevato chilometraggio.

Descrizione dell’olio motore CASTROL EDGE 5W30

Questo versatile olio multigrado è molto apprezzato per la possibilità di utilizzare il prodotto tutto l’anno, anche a temperature molto basse.

Castrol EDGE 5W-30 LL è adatto sia ai motori a benzina che a quelli diesel. È specificato da ACEA C3, MB-Approval 229.31/ 229.51, Porsche C30, VW 504 00/ 507 00 e ha un grado di viscosità SAE 5W-30.

Si basa sulla tecnologia TITANIUM FST. Assicura la conservazione di tutti i componenti del motore grazie a composti attivi di titanio rinomati per la loro durata e robustezza. Tale pellicola è particolarmente importante per il primo avviamento a freddo di un motore, quando le forze di attrito possono causare i danni più gravi, nonché per il funzionamento al minimo, che logora gravemente il motore.

Olio semisintetico

Oggi i veri lubrificanti minerali per auto non esistono praticamente più. Sono stati sostituiti dai semisintetici, che hanno un alto livello di additivi. È impossibile trovare oli motore “a lunga durata” tra questi, e i loro prodotti di decomposizione inquinano piuttosto rapidamente il motore dell’auto. Ciò significa che questi lubrificanti devono essere sostituiti piuttosto frequentemente, circa una volta ogni 10 mila km.

Idrocracking degli oli motore

Questo prodotto è considerato da molti esperti migliore del semisintetico, ma non di molto. Per quanto riguarda la domanda su quando cambiare l’olio, oggi gli esperti non possono dare una risposta univoca.

Oli motore minerali

Questo olio viene prodotto con l’uso di tecnologie semplici su base minerale; il materiale di partenza è l’olio combustibile. L’olio motore minerale si distingue per il fatto che non perde mai, ma è inferiore alle sue controparti sintetiche a causa del suo elevato tasso di evaporazione, che aumenta il consumo di olio.

© Riproduzione riservata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI