Cerca
Close this search box.

Burkina Faso. Attacco terroristico nel Sahel: 86 morti

Tempo di lettura: 2 minuti

di Giannino Ruzza

E’ salito a 86 il numero delle vittime dopo l’attacco terroristico che ha colpito la città di Seytenga, nel nord del Burkina Faso. Una tragedia che il presidente del Burkinabe, Paul-Henri Sandaogo Damiba ha definito “inimmaginabile”,  durante una visita in ospedale ai sopravvissuti all’attacco terroristico, avvenuto a pochi chilometri dal confine con il Niger, Paese  anch’esso finito nel mirino dei terroristi che avevano ucciso, due giorni prima, a Seytenga 11 soldati della gendarmeria locale. Secondo Sandaogo Damiba, “è una tragedia che colpisce persone inermi e disarmate, la cui unica speranza, è sopravvivere. Il loro dolore – ha concluso il presidente – è il dolore di tutto il Burkina Faso”. Secondo fonti governative dopo l’attacco, più di 8.300 persone si sono rifugiate a Dori, una città vicino a Seytenga, il 6o% delle quali sono bambini. Si stima che in totale gli sfollati siano 14.000. Il presidente del Burkinabe si è rivolto anche alle Forze di polizia di Dori. “Ora più che mai bisogna unirsi di fronte alla minaccia che spesso arriva dall’altra parte del confine. Non è più concepibile andare avanti così”, ha concludo il presidente. L’attacco di Seytenga è stato condannato dal segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, che lo ha definito “spaventoso”, mentre il presidente della Commissione dell’Unione Africana Moussa Faki ha parlato di un “omicidio indicibile”. Secondo il racconto dei sopravvissuti, gli abitanti di Seytenga si sono trovati indifesi ad affrontare i terroristi dopo la partenza delle forze militari il giorno prima. Questo attacco è il secondo per numero di morti, registrato in Burkina Faso, dopo quello del giugno 2021 che ha colpito il villaggio di Solhan, al confine con il Niger, dove sono stati uccisi 160 civili. I paesi della regione del Sahel (Senegal, Mali, Burkina Faso, Niger, Nigeria, Ciad, Sudan, Eritrea ed Etiopia) vivono una situazione di insicurezza perenne causata dalla presenza di bande e gruppi terroristici sparsi un po’ ovunque nel territorio.

 

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top