Era latitante. Arrestato l’ex politico sciclitano Silvio Galizia

Tempo di lettura: 2 minuti

Silvio Galizia, 54 anni, sciclitano, ex consigliere provinciale, è stato arrestato a Capo Verde ed estradato in Italia.   Nel 2015  fu condannato col rito abbreviato,  dal Tribunale di Siracusa, quattro anni e otto  mesi di reclusione per violenza sessuale ai danni di una bambina di 10 anni, oltre al risarcimento dei danni in favore delle parti civili e ad una immediata provvisionale di 30mila euro sempre per la parte civile.  La notizia si rileva  nel consuntivo 2021 del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Direzione Centrale della Polizia Criminale, Servizio per la Cooperazione Internazionale, pubblicato dal Ministero dell’Interno. Nel dossier vengono elencati tutti i latitanti arrestati nel corso del precedente anno e, alla voce “delitti sessuali” si trova la foto del 54enne sciclitano.

I guai giudiziari si verificarono a  Marzamemi,   nell’agosto 2012, su una barca ormeggiata al porto del centro marinaro aretuseo. Galizia avrebbe approfittato della momentanea distrazione di una coppia di amici, con i quali stava facendo una gita in barca, per puntare le sue attenzioni sulla loro bambina, che sul momento non ebbe il coraggio di raccontare nulla ad alcuno. Tempo dopo, la polizia tenne casualmente una lezione, nella classe della bambina, circa le precauzioni da prendere in rapporto alla pedopornografia, soprattutto quando i piccoli frequentano internet. Fu in quella occasione che la minore trovò il coraggio di raccontare l’episodio di cui era stata vittima. La bimba confessò che mentre i suoi genitori facevano un bagno in mare, Galizia le avrebbe mostrato attenzioni morbose nella cuccetta della barca. La notizia suscitò un gran scalpore anche per il passato politico di Galizia che, oltre consigliere provinciale, fu anche direttore delle Opere Pie di Scicli, Ragusa Ibla e Marina di Ragusa (ma l’assunzione risultò illegittima e lo stesso, nel 2018, fu anche condannato per danno erariale). Dopo la sentenza, Galizia aveva fatto perdere le proprie tracce rifugiandosi all’estero.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI