Modica. Funerali Borrometi: è polemica su chi doveva celebrare

Tempo di lettura: 2 minuti

La città di Modica si è stretta attorno alla bara dell’avvocato Antonio Borrometi, ex assessore regionale alla Sanità ed ex parlamentare nazionale. Esequie funebri che hanno lasciato uno strascico polemico, addirittura all’interno della Chiesa, su chi avrebbe dovuto celebrare la liturgia nel Duomo di San Pietro. Inizialmente la famiglia, attraverso il figlio Paolo, aveva incaricato Don Umberto Bonincontro ma, improvvisamente, lo scenario cambia con l’intervento del  Vescovo di Noto, Monsignor Antonio Staglianò,  che avrebbe espresso  la volontà di celebrare personalmente  il rito funebre su specifica richiesta della famiglia del defunto. Non è dello stesso avviso monsignor Bonincontro. “Il figlio Paolo -ha detto il prelato -mi aveva telefonato il giorno prima chiedendomi di celebrare il funerale”. Sta di fatto che il vescovo Staglianò impossibilitato a celebrare il funebre, per sopraggiunti impegni, ha delegato il vicario generale diocesano, Monsignor Angelo Giurdanella a recarsi a Modica. “Pochi  minuti prima del funerale – aggiunge Bonincontro – la famiglia, notevolmente contrariata, in sacrestia, ha cercato fino all’ultimo di convincermi a celebrare il funerale”. Tra un’ incomprensione e l’altra, salomonica è stata la risposta del vicario Monsignor Giurdanella. “ Sono qui, in quanto incaricato dal vescovo”. A questo punto alla famiglia non è rimasto altro che farsi da parte.

Ci si chiede: è questo il potere esercitato dalla Chiesa?

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

22 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI