Vittoria. Sequestrate schede elezione vice presidente consiglio

Tempo di lettura: 2 minuti

Il sostituto Procuratore della Repubblica di Ragusa, Santo Fornasier ha disposto il sequestro delle schede per l’elezione della vicepresidente del consiglio comunale di Vittoria. Il sequestro riguarda un’indagine su quanto accaduto nella seduta del 23 novembre scorso, quando a sorpresa fu  eletto il presidente della civica assise, Alfredo Vinciguerra, esponente della minoranza, con otto voti, uno in più di Concetta Fiore, consigliera comunale di maggioranza.
Dopo l’elezione di quest’ultima, i consiglieri della maggioranza che sostiene il sindaco Francesco Aiello chiesero una verifica delle schede e, a sorpresa, vennero trovate delle schede con voti diversi: due voti per Concetta Fiore, espressi sul retro delle schede bianche, mentre sul retro di una scheda votata per un altro candidato, Salvatore Avola, venne trovato il nome di un altro candidato, Marco Greco. I consiglieri di maggioranza chiesero di riconsiderare il conteggio e di considerare eletta Concetta Fiore. Il 16 dicembre le schede dell’elezione del presidente vennero sequestrate, a più di un mese di distanza è arrivato anche il sequestro delle schede per l’elezione della vicepresidente Rosetta Noto. Nel frattempo, due giorni fa, il consiglio comunale ha votato la revoca del presidente Alfredo Vinciguerra, con i voti dei soli consiglieri di maggioranza, che ritengono illegittima l’elezione di Vinciguerra.
L’inchiesta della Procura è coordinata dal sostituto procuratore Santo Fornasier.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI