I piccoli della scuola dell’infanzia “Rogasi” di Pozzallo visitano frantoio

Tempo di lettura: 2 minuti

Pomeriggio in frantoio per i piccoli delle tre sezioni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia dell’istituto comprensivo “Rogasi” di Pozzallo. I piccoli, dopo aver il giorno prima raccolto le olive in un terreno messo a disposizione da un’insegnante, accompagnati dalle docenti e dai genitori sono stati ospiti dell’Oleificio Gregni di Ispica per un percorso multisensoriale di scoperta della trasformazione delle olive in olio.

Guidati dal titolare del frantoio, i bambini hanno prima prestato attenzione al trasferimento delle olive dai cestoni alle macchine per la deramificazione e per il lavaggio; poi hanno osservato con interesse la frangitura e, successivamente, la gramolatura in vasca a temperatura controllata. Infine la loro attenzione è stata catturata dalle due successive fasi di estrazione attraverso decanter e separatore centrifugo.

Momento molto entusiasmante per i piccoli è stato vedere l’olio venire giù dalla bocca del separatore e, sollecitati dai docenti, scoprire il profumo dell’olio appena molito.

Nell’ambito di questa esperienza sensoriale legata alla scoperta dell’olio i piccoli sono anche stati invitati a degustare e ad apprezzare le qualità organolettiche dell’olio nuovo. “L’iniziativa – spiegano i docenti accompagnatori – è stata pensata per aiutare i bambini a superare il lockdown che li ha visti ridurre le esperienze sensoriali all’esterno della scuola e perché è in questa età che possono imparare a prestare attenzione ai profumi e ai sapori particolari dell’olio e poi custodirne il ricordo. Come docenti siamo assolutamente felici di essere riusciti a far vivere ai nostri bambini questa importante esperienza e ringraziamo il titolare dell’oleificio Gregni per la collaborazione”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI