Sconfitta con l’onore delle armi per L’Egea PVT Volley Modica

Tempo di lettura: 2 minuti

Sicom Messina 3
Egea PVT Modica 1
Sicom Messina: Bilardi 5, Escher 11, Giordano 1, Iannone 14, Composto 9, Marino 13, Giudice (L1), n.e.: Rotella, Pugliatti, Torre, Gueli (L2), Boffi, Bontorno. All. Nino Gagliardi.
Egea PVT Modica: Fabbo, Asero, Ferro 15, Turlà 3, Liguori 15, Gridelli 13, D’Antoni 1, Capponi 1, Giardi 7, Leandri 4, Ferrantello (L), n.e.:Dell’Ermo. All. Enrico Quarta.
Arbitri: Claudio Spartà e Rosa Elisa Saba Privitera.
Note: Parziali 25/21, 20/25, 25/21, 25/16
Messina – Battuta d’arresto dell’Egea PVT Modica, che al “PalaTracuzzi” di Messina si arrende dopo poco più di due ore di gioco alla capolista Sicom.
Una sconfitta con l’onore delle armi quella subita dalle biancorosse di Enrico Quarta che hanno giocato per lunghi tratti alla pari delle loro avversarie, che hanno dimostrato nervi più saldi delle modicane e hanno approfittato prontamente del calo mentale delle biancorosse nel quarto set per chiudere i conti e ottenere tre punti utili per restare in vetta alla classifica.
L’inizio del match è favorevole alle modicane che sfruttando la serie positiva in battuta di capitan Fabiola Ferro si portano avanti 0/4, subito ricambiato dalle messinesi, che piazzano un contro break di 8/0 grazie alla serie positiva in battuta di Alessandra Marino si portano avanti 8/4 costringendo coach Quarta a chiedere il suo primo discrezionale. Dopo la sospensione di 30” le biancorosse non riescono a invertire la rotta e Messina “scappa” fino al 12/5 che vale il secondo time out richiesto dal tecnico delle modicane. Questa volta Quarta ottiene le risposte che si aspettava dalle sue atlete, che iniziano la recuperare terreno fino al 18/14 che fa spendere il primo time out a Gagliardi. Al ritorno in campo Modica continua a rosicchiare punti fino a portarsi a – 1 (20/19) che vale il secondo discrezionale del tecnico di casa. Messina si ricompatta, alza i ritmi e allunga fino al 25/21 finale arrivato grazie a un errore di Sofia Turlà sotto rete.
Il secondo parziale resta in equilibrio fino al 6 pari, poi Messina allunga fino al 14/11 che sembra essere lo “strappo” decisivo per la vittoria del set. Invece, la PVT si ricompatta e recupera il gap sul 16 pari. Il punto successivo delle peloritane costringe Quarta a chiamare il discrezionale. Il punteggio è in bilico e appena Messina prova a fuggire (20/18), Quarta chiede nuovamente i 30” di sospensione. Con un break di 0/3 Modica rimette il muso avanti nel punteggio (20/21) e questa volta è Gagliardi a chiedere di fermare il gioco, replicato appena si ritorna in campo e Modica ottiene il + 2 (20/22). L’inerzia del set è ormai in mano alle modicane che lo chiudono a loro favore con il punto del 20/25 finale che porta la firma di Fabiola Ferro.
Sulle ali dell’entusiasmo al cambio di campo Modica resta sul pezzo, tiene alti il ritmi del gioco e allunga fino al 3/7 con Gagliardi che “fiuta” il pericolo e chiama immediatamente time out per far riorganizzare il gioco delle sue atlete. Modica non molla di un centimetro e alla ripresa del gioco allunga fino al + 5 (5/10) che costringe l’allenatore delle padrone di casa a fermare nuovamente il gioco. Il risultato al ritorno in campo è quello sperato dal coach di casa perchè le sua atlete iniziano la rimonta. Sul 10/13 è il tecnico delle modicane a giocarsi il suo primo discrezionale per cercare di spezzare il ritmo delle messinesi, ma è inutile. Messina crede fortemente nel recupero e quando è a – 1 (15/16) dalle modicane, Quarta ferma nuovamente il gioco per 30”. Alla ripresa delle ostilità Messina ritrova la parità sul 19 pari. La gara si decide al fotofinish, ma sul 21 pari Messina piazza il break decisivo e taglia il traguardo 25/21grazie a un attacco dal centro lungo delle modicane.
Questa volta la PVT accusa il colpo e praticamente esce dal match. Il quarto parziale, infatti, non ha storia. Messina, infatti, intuisce le difficoltà delle loro avversarie e piazza subito un break di 5/1 che costringe Quarta alla richiesta del primo discrezionale. Al ritorno in campo la musica non cambia. Messina, infatti allunga ancora fino al 8/2 che vale il secondo time out di Quarta. Al ritorno in campo il parziale è più equilibrato, Modica prova a ricucire lo strappo e quando si porta a – 4 (12/8) Gagliardi spende il primo discrezionale a sua disposizione per dare le ultime disposizioni alle sue ragazze che alla ripresa del gioco piazzano l’allungo decisivo che le porta a chiudere il set con un eloquente 25/16 con la firma di Martina Escher che mette a terra il punto della vittoria.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI