Le 5 app più scaricate dei millennials

Tempo di lettura: 3 minuti

Le nuove generazioni iperconnesse sono quelle più ricettive alle ultime novità del mondo delle applicazioni per smartphone. Sebbene con il termine millennials non si indichino solo i nativi digitali, questo gruppo conta i maggiori affezionati di tecnologia che usa le app per ogni genere di servizio. Queste sono le più scaricate in assoluto.

Instagram

Tra le applicazioni per smartphone più scaricate dai giovani bisogna partire da Instagram. Il social network da poco acquistato dal colosso Facebook di Zuckerberg consente di condividere immagini, foto, selfie e anche piccoli video. È un po’ l’evoluzione di Facebook che oggi è popolato solo dai più attempati. Instagram non è solo un social, ma è anche uno strumento ottimo per fare business. Moltissime imprese già lo utilizzano per attirare nuovi clienti, avviare campagne di marketing e condividere codici sconto da usare sull’e-commerce. Su IG è facile scoprire che le promozioni e i bonus senza deposito sicuri li trovi su casinosulweb.

Imgur

L’applicazione Imgur è molto amata dai millennials perché raccoglie tutti i meme, immagini, video, gif e sfondi più divertenti. Permette di avere accesso al meglio del web e trovare contenuti spassosi da condividere con i propri contatti. Chi non sa cosa sia un meme, di sicuro non scaricherà Imgur che va fortissimo tra i ragazzi costantemente connessi. Rappresenta anche un altro modo di leggere l’attualità, trovando un sacco di meme legati proprio alle ultimissime news e notizie di spettacolo, sport, programmi tv, politica, cinema, scuola. Molti si chiedono da dove arrivino i post più irriverenti condivisi sui social e la risposta spesso è proprio Imgur!

TikTok

Se Instagram è l’evoluzione di Facebook, allora TikTok è l’evoluzione di Instagram. È l’applicazione più amata dai giovanissimi, dato che gli utenti sono spesso minorenni che condividono brevi video divertenti, balletti, canzoni. I grandi gruppi internazionali fanno a gara per creare video e accaparrarsi la giovane utenza. È la novità degli ultimi tempi anche se è di creazione cinese e molti la evitano perché sostengono ci sia il rischio di venir spiati dal governo di Pechino.

Zoom

Con i tempi che corrono, Zoom è diventata per forza una delle applicazioni per smartphone più popolari che ci sia. Chiusi in casa a causa del lockdown, per le riunioni di lavoro, le video lezioni, le classi di yoga ma anche semplicemente una chiamata con gli amici, si usa Zoom. È una piattaforma che consente di organizzare videoconferenze a cui possono partecipare anche moltissime persone in contemporanea. Insomma, la soluzione ideale per sentirsi meno isolati e assaporare un po’ di normalità.

Spotify

Oggi la musica si ascolta tramite Spotify. Youtube ha provato a tenere il passo creando Youtube Music ma è evidente che non ce la fa. Tantissimi operatori hanno delle promozioni stagionali, come quelle di Natale ed estive, in cui non si scaricano i giga quando si ascolta la musica su Spotify. La piattaforma consente di ascoltare un artista, l’intero album, playlist. A proposito, si possono creare playlist personalizziate e anche condividerle con gli altri utenti.

© Riproduzione riservata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI