Campo. Sicilia in ginocchio e Musumeci va al concerto di Bocelli

Tempo di lettura: 2 minuti

Mentre imprenditori, commercianti e gran parte dei siciliani guardano al loro futuro con sempre maggiore preoccupazione a causa dell’avanzare del Covid, Musumeici trova tempo e denaro pubblico per il concerto di Bocelli a Noto. Tempi e modi sono sicuramente inopportuni. Specie se si pensa che i siciliani non hanno visto un solo euro di quanto previsto dalla cosiddetta Finanziaria di guerra, costruita però coi i soldi del Monopoli”. Lo afferma il capogruppo del M5S all’Ars , Giorgio Pasqua. “In un momento come questo – afferma Il capogruppo assieme alla deputata Stefania Campo – ci parrebbe più opportuna la presenza e l’attenzione del presidente su faccende decisamente più importanti che su concerti che non si capisce se siano più proficui per l’organizzazione o per la promozione del turismo in Sicilia. Ci chiediamo, e con noi se lo chiedono tantissimi siciliani, se in un momento drammatico come questo, in cui tante categorie vedono appeso il proprio futuro al un filo sottilissimo, sia opportuno che Musumeci dedichi i propri sforzi e le risorse regionali a manifestazioni come questa o come quella di Dolce & Gabbana o quella dei suoi amatissimi cavalli di Ambelia, ad un tiro di schioppo da casa sua”. “Tra l’altro – conclude Stefania Campo – Musumeci è immortalato in una foto con gente senza mascherina. Non capisce che è con l’esempio, il suo in primis, che possiamo far comprendere la gravità della situazione ai giovanissimi, agli sprovveduti e ai negazionisti dell’ultima ora?”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI