Modica calcio e Modica Airone “insieme” per crescere

I "tigrotti" affidano il settore giovanile a una scuola tra le più rinomate di Sicilia
Tempo di lettura: 2 minuti

Il Modica Calcio comunica che per la stagione agonistica 2020/2021 ha raggiunto l’accordo con il Modica Airone, società di calcio che si occupa esclusivamente di calcio giovanile e che già in passato ha forgiato giovani calciatori che sono stati poi protagonisti nel “calcio dei grandi”.

In particolar modo il Modica Airone curerà la crescita dei giovani calciatori nati negli anni 2005, 2006, 2007 e 2008 che parteciperanno ai campionati regionali categoria “Allievi” e “Giovanissimi”.

“Siamo contenti di poter far crescere i nostri giovani in una scuola professionale e attenta alle esigenze dei calciatori in erba come quella del Modica Airone che da sempre è stata un esempio per il mondo del calcio dei più piccoli – dichiarano all’unisono i dirigenti del Modica calcio – Speriamo di avere nel prossimo futuro un serbatoio a cui potere attingere per la prima squadra e allo stesso tempo “regalare” una grande vetrina ai nostri giovani più meritevoli. Ringraziamo per la disponibilità -continuano – Mattia Pitino e Giorgio Caccamo che hanno “sposato” immediatamente questo progetto e rivolgiamo un grazie di cuore a Emanuele Sarta che fino a poche settimane fa è stato colui che ha curato e fatto crescere i nostri “Tigrottini”. A lui -concludono i massimi responsabili dei rossoblu – va tutto il nostro riconoscimento e l’augurio di prendersi tutte le soddisfazioni che merita anche nel prossimo futuro”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI