La Coppa Italia di serie D non si disputerà

Tempo di lettura: 2 minuti

La Coppa Italia Serie D è ufficialmente rinviata alla stagione 2021/2022. La decisione è scaturita dalla necessità di attendere gli esiti dei procedimenti presso la giustizia sportiva che definiranno nei prossimi giorni la composizione degli organici professionistici e di conseguenza della Serie D.
Il Dipartimento Interregionale della LND ha così disposto il rinvio della competizione per garantire l’ottimale svolgimento del campionato, il cui inizio è confermato per domenica 27 settembre, anche in ragione delle nuove norme sanitarie previste per l’organizzazione delle gare.
“Credo si tratti di una decisione molto saggia da parte dei vertici della LND – commenta il DS Cesare Sorbo. In questo modo avremo maggiore opportunità di concentrarci nel nostro percorso di avvicinamento al campionato, dando continuità alla preparazione atletica – conclude Sorbo -, dopo lo stop forzato a causa di un calciatore risultato positivo al tampone anti-Covid19.”
A proposito di misure anti-Covid19, le attuali norme vigenti, impongono la chiusura degli stadi fino al prossimo 7 ottobre 2020. Inoltre, sulla scorta della comunicazione trasmessa alla LND dalla società ASD Marina di Ragusa, circa tre settimane fa, chiedendo di rivedere le norme anti-Covid19 attorno ad un tavolo al Ministero della Salute, i vertici societari attendono gli sviluppi e le direttive reali e fattive per iniziare a promuovere la campagna abbonamenti e tante altre novità dedicate a tutti gli appassionati e nostri tifosi.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI