Ragusa. Dall’Offshore alle moto d’epoca uno show tra terra ed acqua

0
423

Il fine settimana appena trascorso ha portato sotto i riflettori nazionali e mondiali il territorio ibleo per due prestigiosi eventi sportivi che si sono disputati e in cui i cronometristi dell’Asd “Hyblea” sono scesi in campo.

Marina di Ragusa, con il suo tratto antistante il porto turistico, ha fatto da cornice alla “3ª tappa del campionato italiano Offshore Endurance” del gruppo B e dell’”Honda Offshore” nonché dell’ultima prova del “Campionato mondiale classe Offshore V2” . I 15 partecipanti sono giunti da: Italia, Belgio, Francia, Svizzera e Malta.
A stilare le classifiche finali sono stati: il vice presidente della Federazione Nazionale Cronometristi (Ficr), Giorgio Chinellato, l’esperto cronos veneto, Gianluca De Rossi e i cronometristi di Ragusa.
Il programma ha subito delle variazioni a causa delle avverse condizioni del mare, per questo la maggior parte delle gare si è disputata nella giornata di sabato 5 ottobre. A vincere la Word Cup e anche la categoria 3D Catamarano, sono stati Lorenzo ed Andrea Bacchi, padre e figlio, su imbarcazione Gasbeton che, nonostante un malfunzionamento ad uno dei motori, hanno saputo concludere da vincitori la gara; nella categoria Endurance Sport del campionato italiano si è imposto il motoscafo Albatro 32 condotto dal duo Christian Cesati e Luca Bruatti; mentre nella categoria Endurance Pro ha vinto l’imbarcazione Sorbino condotta da Diego e Massimiliano Testa, padre e figlio appassionati di motonautica.
Nella nuova categoria federale di battelli pneumatici Honda Offshore, il più alto gradino del podio è andato a Mario Cosma che ha avuto la meglio su Denis Scarpi, quest’ultimo coinvolto in un incidente per fortuna senza gravi conseguenze. Questa nuova categoria è aperta a chi vuole iniziare a gareggiare, la barca viene messa a disposizione dalla federazione e l’iscrizione alle competizioni è limitata a € 1.000.

L’altro evento che ha interessato il ragusano, nella parte dell’entroterra, è stata la “2ª Rievocazione storica del giro motociclistico di Sicilia”, manifestazione iscritta nel calendario nazionale Asi (Autoclub Storico Italiano), per il particolare interesse storico ma anche di elevato valore sociale e culturale.
I concorrenti provenienti da diverse parti d’Italia sono partiti da Palermo giovedì 3 e dopo aver percorso le antiche vie che da Messina, attraversando i Nebrodi e le località etnee, sono giunte nell’altopiano ibleo, dove hanno svolto una prova di regolarità cronometrata con partenza da Largo San Paolo a Ragusa Ibla e arrivo in contrada Nunziata nei pressi del Foro Boario di Ragusa Superiore. I concorrenti hanno dovuto percorrere il tratto di strada di circa 8 chilometri nel tempo imposto di 20 minuti, 25 metri prima dell’arrivo dovevano controllare il cronometro in modo da fermarsi, rallentare o accelerare per essere più puntuali possibili al tempo imposto senza incorrere a penalità.
A vincere la categoria assoluta è stato Lorenzo Guastella a bordo della sua MV Agusta modello 150 super sport lusso che ha bloccato i cronometri a 20’03”; al secondo posto si è classificato Carmelo Puglisi su Lambretta Innocenti modello LI 150 Special Golden con il tempo di 20’16”; mentre l’ultimo gradino del podio è andato a Umberto Alloisio su MV Agusta modello 175 SS 5 V Squalo con il tempo di 20’17”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

undici + 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.