Caporalato a Noto. Arrestati imprenditori di Ispica e Rosolini

0
8179

Due iprenditori agricoli, rispettivamente di Ispica e Rosolini sono stati arrestati dai carabinieri con l’accusa di aver violato le norme sull’occupazione.
I due, G.F, 44 anni, residente a Ispica, ST.M., 45 anni, residente a Rosolini, ma proprietari di terreni a Noto. L’imprenditore di Ispica che avrebbe reclutato 19 braccianti, dei quali 5 nigeriani, 7 gambiani privi di permesso di soggiorno e 4 romeni. Il rosolinese, dal canto suo, avrebbe reclutato 8 braccianti, tutti romeni, 4 dei quali in nero, facendoli lavorare in condizioni di sfruttamento a 4 euro l’ora invece di 7 e ospitandoli in un magazzino privo anche di servizi igienici.
I lavoratori venivano sfruttati con paghe minime e in assenza dei requisiti minimi di sicurezza. Sono quindi scattate sanzioni per 31 mila euro con la sospensione dell’attività dell’imprenditore di Rosolini. Continuano inoltre le verifiche su 37 braccianti assunti regolarmente mentre i due uomini sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

1 × 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.