Stabilizzazione del personale Asp in provincia. Floridia (“Modica 2018”): “Grazie a chi si è adoperato”

0
552

“Un importante risultato, grazie al lavoro e la collaborazione di chi si è adoperato per la stabilizzazione del personale precario storicizzato negli enti locali territoriali, compresi i 260 lavoratori della provincia di Ragusa. E’ stato finalmente riconosciuto il lavoro indispensabile che quotidianamente svolgono, con un traguardo che hanno ottenuto con pervicacia e la passione dimostrata nel rivendicare un sacrosanto diritto”.
“Da parte nostra, siamo contenti che siano servite le iniziative di confronto, nei mesi scorsi, promosse dal Sindaco, Ignazio Abbate, con i lavoratori stessi, l’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza che abbiamo ricevuto a Palazzo di Città e con i massimi vertici dell’ASP”. E’ quanto sostiene il capogruppo consiliare di Modica 2018, Rita Floridia, che esprime enorme soddisfazione dopo la circolare emanata dall’assessorato regionale alla Salute e indirizzata ai manager delle Aziende Sanitarie Provinciali, che fornisce le indicazioni operative -peraltro già recepite dal Direttore generale dell’ASP Ragusa, Angelo Aliquò, per applicare i contenuti di questa circolare che è quell’atto concreto che garantisce una risposta alle rivendicazioni, di lavoratori ‘precari’ sulla carta ma indispensabili nei fatti e che è la plastica dimostrazione di come la Politica possa avere una ‘P’ maiuscola, intervenendo a tutela dei Cittadini.
“Mi sento di ringraziare il direttore generale dell’ASP, Angelo Aliquò, che da subito si è adoperato, in sinergia con noi, per trovare una soluzione alla questione e che ha già dato disposizione ai suoi uffici per dare immediata applicazione ai contenuti della circolare, visto che c’è già la copertura finanziaria necessaria”.
“Da parte nostra, l’auspicio che si faccia bene, lo si faccia in fretta e la certezza che continueremo, insieme al nostro Sindaco, Abbate, l’azione di pungolo perché non si perda altro tempo e ciò che è scritto in quella circolare, diventi subito realtà per i tanti Modicani che beneficeranno di un diritto sacrosanto che, sinora, gli è stato negato”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

14 + sedici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.