Primi movimenti sul mercato per il Ragusa Calcio che militerà nel campionato di Eccellenza, ingaggiato Giuseppe Rizza

Primo ingaggio per il Ragusa Calcio. Formalizzato l’ingresso in organico dell’esterno Giuseppe Rizza, 32 anni, che militerà con la maglia azzurra nel campionato d’Eccellenza per la stagione 2019-2020. Rizza, che ha giocato con il Livorno in B, con la Nocerina, con l’Arezzo e con la Juve Stabia in Lega Pro, ha risposto presente alla chiamata del presidente Nicola D’Amico condividendone appieno il progetto. “Per me – dichiara – è un’avventura importante. Sono originario di Noto e so quanto una piazza come Ragusa possa dare in termini di potenzialità. Di certo, la città non merita questa categoria e, quindi, dò il via a questa nuova avventura con la consapevolezza di avere tanta energia da spendere. Non ci sono dubbi sul fatto che sono molto entusiasta di vestire questi colori e spero di potere dare sino in fondo il mio contribuito”. Il direttore generale Antonino Monterosso, che ha concluso l’operazione in queste ore, si dice certo delle potenzialità del giocatore e, soprattutto, delle sue motivazioni. “La richiesta del tecnico Alessandro Settineri – afferma Monterosso – era quella di portare Rizza in azzurro. Abbiamo sondato la sua disponibilità, ci siamo confrontati e devo dire che è stato un percorso abbastanza semplice da chiudere perché la voglia di emergere da una parte e dall’altra è davvero enorme. Ci stiamo scommettendo e cercheremo di disputare un campionato di Eccellenza all’altezza della situazione, così come rientra nei nostri obiettivi”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI