Ragusa. Gli studenti del “Comprensivo” Crispi in visita alla sede di Confcommercio per un progetto Fse Con

Un gruppo di alunni dell’istituto comprensivo Francesco Crispi di Ragusa ha fatto visita alla Confcommercio provinciale, ospitato nei locali dell’associazione di categoria in via Roma, nel capoluogo ibleo. L’iniziativa è stata avviata nel contesto di un progetto Fse Pon. Ad accogliere il gruppo di studenti, quaranta alunni, con i propri docenti, il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, assieme a tutto lo staff, il quale ha avuto modo di affrontare i temi della cultura d’impresa oltre che quelli strutturali concernenti la maggiore organizzazione di impresa sindacale qual è appunto Confcommercio. “Abbiamo potuto appurare – sottolinea il presidente Manenti – come grande sia stata l’attenzione riservataci da tutti i ragazzini presenti i quali si sono dimostrati molto interessati soprattutto ai meccanismi della cultura d’impresa nell’ambito del Sud Est, la stessa che abbiamo cercato di illustrare con esempi semplici e calzanti. Come Confcommercio, siamo parte attiva con le scuole nell’ambito dei progetti Fse e Pon proprio per cercare di gettare i semi relativi alla creazione di una cultura d’impresa che possa costituire la traccia di un percorso da sviluppare poi, per chi partecipa a questi progetti, negli anni a venire. E’ un aspetto che, secondo noi di Confcommercio, occorre considerare con la dovuta attenzione e che ci farà guardare avanti con sempre maggiore consapevolezza circa le nostre opportunità di crescita”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI