Modica. Medica (M5S): “Dal 1° luglio è possibile richiedere il bonus acqua. Il Comune, inspiegabilmente, non ha ancora avvisato la cittadinanza”

Ieri il Consigliere Comunale Portavoce M5S, Marcello Medica, si è premurato di fare una comunicazione ufficiale al Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, avente ad oggetto il bonus sociale idrico o bonus acqua a sostegno delle famiglie meno abbienti e numerose.
Il Consigliere 5 Stelle, accortosi, grazie alla segnalazione di attenti cittadini, che, nonostante siano già trascorsi sei mesi, il Comune di Modica, inspiegabilmente, non abbia ancora provveduto ad avvisare la cittadinanza, ha pensato bene di rendere noto che dal 1° luglio 2018 è possibile richiedere il bonus per la fornitura di acqua. Una misura, in pratica, volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale, che è stata prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 13 ottobre 2016, emanato in forza dell’articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell’Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente).
Tale bonus – spiega il Consigliere Medica – consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno, quantitativo che è stato fissato in 50 litri al giorno a persona (18,25 mc di acqua l’anno), corrispondenti, più o meno, al soddisfacimento dei bisogni essenziali. Il bonus garantirà, per esempio, ad una famiglia di 4 persone di non dover pagare 73 metri cubi di acqua l’anno. Hanno diritto al bonus anche gli utenti che non hanno un contratto di fornitura diretto perché vivono in un condominio e, in questo caso, il titolare del contratto di fornitura è il condominio stesso. L’utente, inoltre, se riceve la comunicazione di ammissione al bonus elettrico e/o a quello del gas per il quale ha presentato la domanda, sempre dal 1° luglio può tornare presso il Comune (o presso un CAF) per richiedere anche quello idrico, completando le informazioni già fornite con il nome del gestore che fornisce l’acqua e il numero utente (presente in bolletta) mentre, se la fornitura è condominiale, è sufficiente l’indicazione del gestore che serve la zona.
Dal 1° luglio 2018, pertanto, è possibile presentare domanda presso il Comune di residenza o un CAF; hanno diritto, ad ottenere il bonus acqua, gli utenti diretti ed indiretti del servizio di acquedotto in condizioni di disagio economico sociale, cioè che sono parte di nuclei familiari con indicatore ISEE non superiore a 8.107,50 euro, o con indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro se con almeno 4 figli a carico. Maggiori informazioni e documentazione, comunque, è possibile reperire facilmente sul sito dell’Arera: https://www.arera.it/it/consumatori/idr/bonusidr.htm.
Il Consigliere Medica, chiede, pertanto, al Sindaco Abbate attenzionare tale comunicazione e di rendere noto a tutti i cittadini, con ogni mezzo disponibile ed efficace, che dal 1° luglio 2018 è possibile presentare la suddetta domanda, dando in questo modo la possibilità agli utenti che ne hanno diritto di usufruire del bonus in questione.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI