Il Comune di Ragusa si dota della figura del Disability Manager, approvato l’ordine del giorno presentato dal consigliere D’Asta

“Disability manager, una figura innovativa che dà il senso della mia iniziativa tutta protesa a dare risposte concrete al mondo delle disabilità, alle loro famiglie e a quel vasto mondo di sensibilità associative e sociali che ruotano intorno a questo mondo straordinariamente vasto ed importante. Da oggi, i diversamente abili avranno un punto di riferimento fondamentale”. E’ stato approvato dal Consiglio comunale l’ordine del giorno presentato da Mario D’Asta teso ad impegnare il sindaco di Ragusa e gli assessori competenti ad individuare in una figura di comprovata esperienza e competenza, mettendole a disposizione le risorse necessarie per espletare il suo ruolo compatibilmente con i fondi disponibili, la funzione del disability manager. L’ordine del giorno è stato esitato favorevolmente dall’intero civico consesso dopo la trattazione in aula grazie al voto unanime tra maggioranza e opposizione, con in testa il consigliere Luca Rivillito nella sua qualità di delegato ai Servizi sociali. “Adesso – sottolinea D’Asta – l’Amministrazione comunale si adoperi per creare le basi che garantiscano l’attivazione di una figura innovativa, al passo con i tempi, in grado di dare risposte ad un mondo spesso messo ai margini. Sostengo che quel mondo, con il disability manager, può trovare un punto di riferimento virtuoso destinato a giocare un ruolo centrale per tantissime famiglie. Ecco perché è opportuno fare presto affinché anche nella nostra città si attivi un segnale di civiltà in grado di far compiere un passo in avanti incredibilmente significativo e fondamentale. Ragusa merita di potere contare sul disability manager e ringrazio i consiglieri comunali che hanno condiviso assieme al sottoscritto questo percorso”. D’Asta auspica che le modalità organizzative consentano di svolgere tale funzione in modo trasversale e partecipato, affinché ogni persona con disabilità possa trovare risposta alle problematiche legate alla disabilità sia per ciò che riguarda le competenze del Comune, sia per poter riconoscere ed intraprendere eventuali azioni a livello interistituzionale, allo scopo di individuare soluzioni ed implementare politiche con l’obiettivo di superare ogni barriera architettonica, sensoriale, cognitiva e culturale nei confronti della disabilità. “Il disability manager – continua il consigliere D’Asta – dovrà vedersi attribuire le funzioni e le attività utili al perseguimento di tutta una serie di obiettivi. Tra questi vigilare affinché l’attività degli uffici comunali rispetti la convenzione Onu sul diritto alle persone con disabilità; supervisionare le politiche del territorio in maniera trasversale: accessibilità, politiche sociali, politiche per la casa, mobilità, inclusione scolastica ed inserimento lavorativo; collaborare con tutte le figure istituzionali nella pianificazione delle varie progettualità; assicurare ai cittadini con disabilità e all’associazionismo ed al privato sociale, un riferimento facilmente riconoscibile e agevolmente interpellabile sulle questioni della piena partecipazione e integrazione sociale, con particolare riferimento al tema del superamento delle barriere architettoniche sensoriali e culturali; e altri ancora”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI