Campo(Ars): “Si nomini il nuovo Rup per evitare che la Rosolini-Modica rimanga opera incompiuta”

2
1565

“Il nuovo direttore generale del Cas, Leonardo Santoro nomini al più presto il nuovo Rup, perché c’è il serio rischio che il tratto Rosolini-Modica della Siracusa-Gela resti opera morta ancora per molto tempo”. Lo dice il deputato regionale del M5S, Stefania Campo, alla luce della nuova nomina del dirigente del Cas, avvenuta nella serata di ieri, e dopo avere partecipato nei giorni scorsi alla riunione della IV commissione insieme ad Anas e Cas, nella quale si è fatto il punto della situazione rispetto a quella che è solo una delle opere stradali mai realizzate in provincia di Ragusa e delle quali non si fa altro che parlare, senza purtroppo ottenere risultati concreti. “Lo scorso 8 marzo – spiega Stefania Campo – con la Deliberazione n. 123 il Governo regionale ha riprogrammato i fondi del PO-FERS Sicilia 2014-2020 (perché altrimenti sarebbero andati perduti, la consegna di queste opere era prevista da bando per il 31/03/2019 ma a causa dell’interruzione, la scadenza era impossibile da rispettare) con l’inserimento del progetto che riguarda proprio il lotto Ispica-Modica. La cosa preoccupante però è che il finanziamento è subordinato ad un approfondimento esplorativo assegnato all’assessore regionale di verificare la praticabilità dell’iniziativa. La delibera di riprogrammazione fondi Po Fers inoltre è antecedente all’inchiesta della Procura di Messina per tangenti per la costruzione dell’Autostrada Siracusa-Gela, che ha portato all’arresto del Presidente di Condotte spa, del presidente del CdA della Cosige Scarl, dell’ex capo della segretaria tecnica di Crocetta e del funzionario del Consorzio Autostrade Siciliano. Questo significa che il nuovo direttore generale deve provvedere a nominare il Rup, e inoltre, visto che le aziende appaltanti sono coinvolte nell’inchiesta, sicuramente si dovrà scorrere la graduatoria o riappaltare il lavoro. Mi chiedo sempre: perché in Sicilia quando un’opera pubblica ha un inizio, poi non è detto che trovi una fine? La risposta la sappiamo tutti ma è sempre molto pesante e difficile da sopportare”.

2 Commenti

  1. E certo, finita la mangiatoia non ci sono più buoni motivi per continuare nei lavori !! Si perché le opere pubbliche si fanno per dare da mangiare ai soliti affamati mica per migliorare le infrastrutture e la vita della gente !

  2. L’attuale governo regionale,senza maggioranza,non riesce nemmeno a completare una seduta che duri più di dieci minuti figuriamoci come possa trovare il bandolo di questa ingarbugliata matassa.magari il buon camilleri troverà l’ispirazione per uno dei suoi romanzi dal sapore tristemente siciliano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

sedici − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.