Cerca
Close this search box.

Dimensionamento scolastico. D’Antona: “A Modica gestito male”

Tempo di lettura: 2 minuti

L’Amministrazione Comunale di Modica poteva  gestire  con più attenzione la questione del dimensionamento scolastico, la cui deliberazione è stata respinta  dal Tavolo regionale che, invece, ha approvato quella elaborata originariamente dall’Ufficio Scolastico Provinciale. Così la pensa Vito D’Antona di Sinistra Italiana, il quale ritiene che  l’esecutivo cittadino “ha proceduto a rivoluzionare la struttura scolastica cittadina, intervenendo con scorpori e riaccorpamenti di plessi scolastici che hanno interessato tre istituti comprensivi su quattro”.

La scelta più contestata è stata quella di sottrarre il plesso scolastico  “S. Elena” all’Istituto Comprensivo “S. Marta – Ciaceri” e di affidarlo all’Istituto Comprensivo “Carlo Amore”, sostituendolo con due plessi ubicati nel quartiere Sacro Cuore e lontani dalle rispettive sedi centrali.

“Sulla proposta della Giunta, abbiamo assistito alla posizione contraria delle R.S.U. di ben tre istituti scolastici, alle lettere aperte di genitori di alunni, nonché alla imponente e pacifica manifestazione con corteo organizzata dalle famiglie di centinaia di alunni – spiega D’Antona  -.   Bisognava porsi in tutte le sedi, ma soprattutto come avevamo suggerito, per rispondere alla manifestazione di martedì scorso, in posizione di ascolto e ad esaminare la fattibilità di una proposta condivisa dai cittadini e dal personale scolastico”.

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top