Cerca
Close this search box.

SIPRI:  90% delle testate nucleari appartiene a Russia e U.S.A.

Tempo di lettura: 2 minuti

Lo Stockholm International Institute for Peace Studies (SIPRI) ha riferito oggi che l’arsenale atomico mondiale è aumentato, mentre le principali potenze nucleari hanno avviato programmi per modernizzare le loro armi. L’ente svedese ha specificato che quest’anno il numero di armi nucleari operative ammonta a 9.576, il che rappresenta un aumento dell’uno per cento rispetto al 2022. In tal senso, ha evidenziato che in totale su 3.844 testate nucleari sono dispiegate su missili e aerei, mentre 2.000 mantengono lo stato di “alta allerta operativa”. Evidenzia inoltre che il 90 per cento delle armi nucleari appartiene agli Stati Uniti e alla Russia. Allo stesso modo, la Cina ha registrato il maggior incremento del proprio arsenale nucleare, passando da 350 a 410 testate. Sebbene l’istituzione svedese abbia ritenuto che la dimensione delle armi nucleari sia rimasta relativamente stabile nell’ultimo anno, dopo l’inizio del conflitto in Ucraina, la trasparenza per quanto riguarda la dichiarazione delle reali cifre è stata fortemente ridotta. “Ci stiamo avvicinando, e forse abbiamo già raggiunto, la fine di un lungo periodo di declino delle armi nucleari nel mondo”, ha detto il direttore del SIPRI Dan Smith che sottolinea la necessità  per i governi di cooperare per “calmare le tensioni geopolitiche, rallentare la corsa agli armamenti e gestire le conseguenze sempre più gravi del collasso ambientale e dell’aumento della fame nel mondo”.

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top