Cerca
Close this search box.

Il ciclone mediterraneo si allontana dalla Sicilia, ma non è ancora finita

Tempo di lettura: 2 minuti

Si allontana il ciclone mediterraneo che ha messo in ginocchio la Sicilia. La morsa di maltempo che negli ultimi due giorni ha interessato l’isola con un’allerta di livello rosso, causata dall’arrivo del ciclone Helios, che si è trasformato in un “medicane” o “TLC”, nell’arco delle ultime 48 ore ha causato la caduta di 290 mm di pioggia a Siracusa e 250 mm a Modica. E’ la quantità d’acqua che normalmente cade in sei mesi, tanto per far capire la gravità del momento. Particolarmente critica la situazione tra le province di Catania, Siracusa e Ragusa. Nella sola giornata di venerdì i vigili del fuoco hanno effettuato oltre 200 interventi per alberi pericolanti e danni provocati dall’acqua in genere tra le province di Messina, Catania, Ragusa e Siracusa.

Il forte vento, la pioggia e le mareggiate scendono di intensità e per la giornata di sabato 11 febbraio è indicata allerta gialla in tre province tra cui Ragusa. Lo si legge nell’avviso della protezione civile valido fino alle 24 dell’11 febbraio.

Ma non è ancora finita: rimangono ancora gli ultimi strascichi del ciclone, nelle prossime ore sono possibili ancora forti rovesci e possibili nubifragi. I venti orientali sono ancora molto forti, con raffiche tempestose anche oltre i 100 km/h.

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top