Cerca
Close this search box.

Bosnia Erzegovina. Eletti i presidenti dei 3 gruppi etnici

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli elettori in Bosnia Erzegovina hanno eletto il Consiglio presidenziale composto dai tre principali gruppi etnici della nazione, in un complesso sistema di governo nato dagli accordi di Daytona per porre fine alla guerra nel 1995. I risultati delle elezioni generali governate dal sistema della tripla presidenza hanno rivelato un panorama politico che aumenterà le conquiste dei serbi. Il candidato del Partito socialdemocratico Denis Becirovic si è assicurato il seggio bosniaco, mentre Zeljko Komsic ha vinto il seggio croato e il candidato dell’Alleanza dei socialdemocratici indipendenti Zeljka Cvijanovic ha conquistato il seggio serbo. All’interno di questo schema, lo stato centrale ha una presidenza collegiale composta da un rappresentante musulmano, un croato e un serbo, i “tre popoli costituenti” del Paese. Tre milioni e 400mila abitanti sono stati chiamati alle urne per eleggere i tre membri della presidenza collegiale e i rappresentanti del Parlamento centrale. Inoltre, i cittadini hanno eletto i rappresentanti dei due parlamenti autonomi che compongono la Bosnia. In totale, si sono fronteggiati più di 7.250 candidati provenienti da 72 partiti e 30 coalizioni. Ci sono un totale di 14 diversi governi comunitari e 136 ministri. Grande disuguaglianza, che approfondisce le divisioni del Paese a 27 anni dalla sanguinosa guerra. “Qualsiasi destabilizzazione nella regione ci riporterebbe al Medioevo. Non abbiamo il diritto di farlo. Uniamoci attorno al futuro e attorno ai problemi della vita. Questo è ciò che tutte le persone e le nazioni della Bosnia ed Erzegovina hanno bisogno” ha detto Becirovic. Da parte sua, il leader separatista Milorad Dodik ha espresso la sua soddisfazione per i risultati delle elezioni, avvertendo: “Dopo questa vittoria, ovviamente, sarà più facile per noi separare la Republia Srpska dalla Bosnia. Gli esperti affermano che le elezioni di domenica si sono svolte durante la peggiore crisi politica dalla fine della guerra nel 1995, soprattutto considerando le intenzioni separatiste dell’uomo forte serbo-bosniaco Milorad Dodik. Il Paese è diviso in due entità: la Federazione di Bosnia ed Erzegovina e la Republika Srpska, entrambe con ampia autonomia politica, così come il distretto di Brčko, con amministrazione condivisa – ognuna di queste entità ha una propria costituzione. La vittoria dei nazionalisti serbi, sia nelle proprie istituzioni che nella loro rappresentanza davanti alle agenzie federali, suggerisce che le tensioni segreganti continueranno nel breve e medio termine.

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top