M5s Ragusa sulla controversa vicenda dalla Fiera Mediterranea

Tempo di lettura: 2 minuti

“O a capo dell’Amministrazione del Comune di Ragusa c’è Superman, e non ce n’eravamo mai accorti, oppure, ancora una volta, abbiamo a che fare con un’azione di propaganda, per di più sotto elezione, che punta a somministrare alla cittadinanza il solito tentativo di mettere sotto i riflettori le presunte qualità di un sindaco a cui, a quanto è evidente per quello che accade, non fa difetto la furbizia e il tentativo di abbindolare le masse”.

Così i consiglieri comunali dei Cinque Stelle, Antonio Tringali e Sergio Firrincieli, a proposito della vicenda riguardante la Fiera agroalimentare mediterranea. “In pratica ieri – spiegano – poco dopo l’ora di pranzo si diffonde la notizia che la Camcom non avrebbe finanziato la Fam. E già intorno alle 19,30, cioè poco più di cinque ore dopo, il sindaco Cassì comunicava di avere la soluzione a portata di mano, addirittura con le date individuate della ribattezzata Fiera agricola di Ragusa. Certo, crediamo nei miracoli ma riteniamo di avere un minimo di capacità di discernimento per potere affermare che la soluzione è il frutto di una mera operazione propagandistica. Chissà da quanto tempo macinava sotto la cenere questo fuoco (e d’altronde non potrebbe essere altrimenti considerato che in Giunta c’è il vicesindaco che è un alto dirigente della Camcom e quindi, volente o nolente, qualcosa su come sarebbe andata a finire quest’anno la Fam l’avrà pure detta al primo cittadino). Però, qualcuno s’è mangiato la foglia e ha spinto il primo cittadino ad anticipare i tempi dell’annuncio. D’altro canto, a reggergli inconsapevolmente i cordoni della borsa sono state le pronte reazioni di alcuni politici che non hanno fatto che accentuare, giustamente, la gravità della situazione, permettendo così al primo cittadino di mettere ulteriormente in risalto la propria figura. Ma perché, ci domandiamo, visto che non crediamo affatto che Cassì abbia appreso solo ieri la notizia della soppressione della Fam, il sindaco non ha ritenuto opportuno informare il Consiglio comunale di quanto stava accadendo? Lo avrebbe potuto fare benissimo durante il momento dedicato alle comunicazioni della seduta del 30 agosto, trattandosi di una questione che interessava da vicino la nostra città e alcuni comparti trainanti per l’economia del territorio. Lo avrebbe potuto fare al posto di venirci a raccontare che il turismo in Sicilia ha visto i numeri raddoppiare e non abbiamo ancora capito perché lo abbia fatto visto che si tratta, per l’appunto, di numeri siciliani e non cittadini”.

“Perché, quindi, ancora una volta – continuano Tringali e Firrincieli – il civico consesso viene considerato un organo di sott’ordine da questo primo cittadino? E qual è il motivo di dare l’impressione che tutta la soluzione sia stata trovata in quattro ore quando, in realtà, ci si lavorava già da un po’? Non vorremmo che questa fosse la cifra della prossima campagna elettorale per le amministrative. Con Cassì pronto a farne di cotte e di crude, in termini di propaganda, pur di accrescere i consensi. Noi lo aspettiamo al varco ed evidenzieremo, quando è il caso, tutto ciò che non va. Per il bene della nostra Ragusa”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI