Torre faro al Porto di Pozzallo. Pd: “Tanti responsabili”

Tempo di lettura: 2 minuti

La notizia del crollo di una delle due torri faro al Porto di Pozzallo, alla luce della certa e documentabile possibilità che il danno potesse essere evitato, lascia basiti e interdetti.

“È notizia ormai diffusa – dice la segretaria cittadina del Pd, Paoletta Susino – come questo ed altri pericoli fossero stati segnalati in aula all’ARS, durante la discussione della Legge finanziaria, dall’on. PD Nello Dipasquale, come pure la sua proposta
– emendamento bocciato dalla maggioranza che sostiene il Presidente Musumeci e successivo ordine del giorno approvato ma disatteso – di mettere a regime anche per i porti siciliani forme di sostegno fondate sulla equità e sulla uniformità, come già era avvenuto con la legge Ibla sui centri storici. Al vergognoso rifiuto perpetrato dal Governo regionale di prendere atto del pericolo e di intervenire prontamente va aggiunta poi – come se ciò non bastasse – la successiva esclusione del porto di Pozzallo dal finanziamento di 160 milioni di euro per l’ammodernamento dei porti siciliani.

Questo quadro di ingiustizie compiute ad opera del governo Musumeci – denunciate puntualmente dal partito democratico cittadino e provinciale – a noi sembra la chiara rappresentazione di una vera e propria operazione di sabotaggio nei confronti della città di Pozzallo, di fronte alla quale il suo sindaco, Roberto Ammatuna, che oggi alza la voce, è stato consapevole e strategico spettatore.

Fa sorridere e imbarazza allo stesso tempo – prosegue Susino – il botta e risposta di reciproche accuse, innescatosi alla notizia del crollo della torre, tra l’assessore regionale Falcone e il sindaco di Pozzallo, tanto più che i due, solo pochi giorni fa, passeggiavano a braccetto sulle banchine dell’infrastruttura scambiandosi promesse e complimenti. Poco credibili entrambi.

Falcone piuttosto che puntare il dito sulle omissioni altrui, farebbe meglio a spiegare la propria negligenza, e quella del suo governo, che ha portato al crollo della torre, con conseguente paralisi dell’operatività del porto e dei suoi operatori, proprio nel giorno di quello che doveva essere un sopralluogo nella infrastruttura ed invece si è risolto in una mera ed inutile passerella.

Il sindaco, dal canto suo, si chieda invece dov’era quando Pozzallo veniva sabotata e perché non abbia anch’egli, insieme al Partito Democratico di cui ha fatto parte, alzato la voce quando serviva. E se proprio non ci riesce, faccia un bilancio di quanto avrebbe potuto e dovuto fare nei lunghi anni del suo governo a Palazzo La Pira e a Palazzo dei Normanni e spieghi anche ai pozzallesi perché dopo questi ulteriori quattro anni e mezzo di sindacatura, non è riuscito – al pari dei suoi vituperati predecessori – a dare a Pozzallo un progetto esecutivo per la messa in sicurezza del porto”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI