Torna a Ragusa la festa del cambio cintura promossa dalla Basaki

Dopo un anno di pausa a causa del Covid
Tempo di lettura: 2 minuti

“Il judo è cadere sette volte al tappeto e rialzarsi otto”. Un claim che la dice tutta sui momenti non proprio semplici che gli appassionati di quest’arte marziale hanno dovuto attraversare nel corso degli ultimi mesi caratterizzati dall’emergenza sanitaria. E, ora che si riparte, un forte segnale arriva dalla scuola Basaki di Ragusa. Per venerdì 25 giugno, alle 17, infatti, è stata promossa la tradizionale festa del cambio cintura. Si terrà nello spiazzale antistante la scuola, in via Nino Martoglio 3. Per tutti gli allievi ci sarà l’opportunità di diventare protagonisti per un giorno e di verificare i gradi di avanzamento nell’apprendimento di una disciplina sportiva che si misura anche con la necessità di assicurare una crescita eccezionale a tutti coloro che vogliono diventare buoni componenti della società civile del domani. “Assieme al mio staff tecnico – afferma il maestro Salvo Baglieri – accoglieremo i nostri atleti e i loro familiari, il tutto garantendo la massima sicurezza per evitare qualsiasi contagio legato al Covid, cercando di dare un segnale forte rispetto alla necessità di ripartire dopo un anno e mezzo di pandemia. Voglio ricordare che lo scorso anno la festa del cambio cintura non si è potuta tenere per i motivi che tutti sappiamo. Ma ora siamo tutti molto più motivati e stimolati a dare sempre di più. Vi aspettiamo”. Per ulteriori informazioni www.basaki.it

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI