Prime risposte positive per il Ragusa Calcio dopo l’allenamento con lo Sporting Eubea

0
566

Tre tempi da trenta minuti ciascuno. Un altro test significativo quello di ieri pomeriggio all’Ottaviano di via Colajanni per il Ragusa Calcio in allenamento congiunto con lo Sporting Eubea, squadra che milita nel campionato di Promozione. E’ finita 3-0 per gli azzurri con reti di Urquiza, Savasta e Alassani. Ma i risultati non hanno alcun significato nel calcio d’agosto. L’importante, come afferma l’allenatore Alessandro Settineri, è altro. “E’ stato – dice – un test significativo, con le risposte che cercavo da parte dei ragazzi. Nonostante in mattinata avessimo già lavorato, e quindi avevamo sulle gambe determinati carichi, posso dire che abbiamo disputato venti minuti a buon ritmo. Poi ho chiesto l’attuazione di specifici meccanismi soprattutto in fase difensiva e per quanto riguarda la costruzione e diciamo che ci sono stati. Inoltre, siamo stati abbastanza propositivi in fase d’attacco”. Settineri prosegue: “Quello che mi interessa vedere in questa fase è che cosa non funziona e posso affermare che allo stato, com’è naturale che sia, c’è parecchio da migliorare. In più qualche giocata risulta da ben codificare”. E’ il secondo allenamento congiunto nel giro di cinque giorni per l’Asd Ragusa Calcio 1949. “Con la Sicula Leonzio, sabato scorso a Zafferana Etnea – afferma Settineri – ho chiesto di lavorare molto sulla fase di non possesso, ieri, invece, ho chiesto di giostrare il più possibile la palla e di forzare molto lungo questa direzione. In alcuni frangenti siamo stati incisivi, in altri ci sono da perfezionare tempi, automatismi e conoscenza tra i vari giocatori. Comunque, lo ribadisco il test è stato sostanzialmente positivo”. Nel finale, il portiere azzurro Stefano Caruso ha pure parato un rigore. Una bella soddisfazione per il neo estremo difensore ibleo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

1 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.