Vittoria, l’ex sindaco Moscato: “Il rigetto del nostro ricorso sullo scioglimento del Comune non ha tenuto conto del contraddittorio”

“Sono solo due le paginette delle motivazioni sullo scioglimento – dice Moscato – e sono invece parecchi i punti che devono essere chiariti”. Questa la denuncia dell’ex sindaco di Vittoria, Giovanni Moscato, nel corso della conferenza stampa dopo il rigetto del suo ricorso tendente e smentire l’ipotesi di infiltrazioni mafiose nell’ente civico del centro ipparino. “Motivazioni – spiega – che in gran parte si riferiscono al passato. Non punto il dito contro nessuno, ma evidentemente non sono state ancora individuate precise responsabilità di chi ci aveva preceduti”. Moscato ha già chiesto il rito abbreviato nel procedimento penale a suo carico la cui udienza è prevista a settembre.
La legge sullo scioglimento dei comuni per mafia è un autentico fallimento” – aggiunge Moscato -. Se infiltrazioni mafiose c’erano allora attendevamo la risposta dello stato con l’incremento del personale delle forze di polizia, con l’arrivo dell’esercito. Invece nulla. L’assurdo è che hanno rigettato il nostro ricorso con due pagine di motivazioni ma non hanno tenuto conto delle nostre controdeduzioni, perchè la legge non lo consente. Insomma non c’è contraddittorio”

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI