Rapina ai danni di Bruno Euronics di Modica. Confcommercio plaude all’operato delle forze dell’ordine

0
616

“Ancora una volta le forze dell’ordine hanno dimostrato tutta la loro professionalità. Le indagini condotte e la circostanza che le stesse siano state portate avanti in maniera positiva, sino ad assicurare alla Giustizia i responsabili del fatto, mettono in evidenza la grande professionalità dei carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile della compagnia di Modica”. Lo afferma il presidente di Confcommercio Modica, Emanuele Iemmolo, a proposito della rapina a mano armata verificatasi nell’ottobre 2017 ai danni dell’esercizio Bruno Euronics al polo commerciale. Quattro malviventi a volto travisato avevano fatto irruzione al fine di sottrarre tutto l’incasso del negozio. “Il bottino di circa 8.000 euro e, soprattutto, il grave pericolo corso dal personale e da tutti coloro che in quel momento si trovavano all’interno del negozio – afferma il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – hanno subito messo in evidenza la dimensione dell’atto criminale che aveva lasciato sgomenta l’intera città. A distanza di mesi, però, le forze dell’ordine sono riuscite a sbrogliare la matassa e a indicare i presunti responsabili di quell’episodio. Naturalmente, non ci stancheremo mai di mettere in rilievo la necessità di garantire la sicurezza dovuta a tutti gli operatori del settore”. Sulla vicenda interviene anche Giorgio Moncada, già presidente di Confcommercio Modica ma soprattutto responsabile di Bruno Euronics, l’esercizio in cui si è verificato l’episodio. “Sin dai primi momenti – sottolinea Moncada – ho avuto l’impressione che le indagini dei carabinieri fossero indirizzate con la massima attenzione verso la strada giusta. E queste mie impressioni sono state suffragate, adesso, dalle risultanze delle investigazioni condotte con estrema perizia e professionalità. Mi sento in dovere di ringraziare i militari dell’Arma con l’auspicio che episodi del genere, sul nostro territorio comunale, non debbano più ripetersi. Ricordo ancora la paura e il senso di impotenza di quella giornata. Ora, però, quanto accaduto ci consente di guardare avanti con maggiore fiducia. Grazie ancora a chi è venuto a capo del puzzle”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

20 − 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.