I fondi della Regione erogati agli enti locali dopo la stabilizzazione dei precari per favorire le politiche del personale, la Cisl fp scrive a dieci comuni iblei

0
524

Il segretario generale della Cisl Fp Ragusa Siracusa, Daniele Passanisi, ha inviato una nota ai sindaci, ai segretari generali e, per conoscenza, ai dirigenti che si occupano della gestione del Personale di dieci dei dodici comuni iblei (tutti ad eccezione di Ragusa e Scicli) avente ad oggetto la circolare dell’assessorato regionale Autonomie locali e funzione pubblica in cui si fa riferimento alla norma n. 24 del 16 dicembre scorso che destina un contributo una tantum a favore dei Comuni che hanno concluso il processo di stabilizzazione del personale precario, in particolare quello titolare di un contratto di lavoro a tempo determinato dall’1 gennaio 2010 al 31 gennaio 2016. “Queste somme – spiega Passanisi – sono state erogate ai Comuni affinché siano utilizzate a favore del personale dipendente del proprio ente. Non vorremmo, però, che le stesse siano stornate per altri utilizzi, soprattutto in considerazione del fatto che le casse di alcuni enti locali territoriali versano in condizioni precarie. Avevamo ragione, tempo addietro, quanto abbiamo sostenuto che le indicazioni provenienti dalla Regione, in tale direzione, erano inequivocabili. L’auspicio è che gli enti locali interessati seguano queste indicazioni e utilizzino i fondi per il personale di cui abbiamo già detto. Come sindacato, altresì, ci rendiamo disponibili per un confronto così da illustrare ancora meglio la nostra posizione rispetto al fatto che ci siamo adoperati per fare arrivare queste risorse economiche al territorio con la consapevolezza che le stesse potessero essere adoperate nella maniera immaginata. Siamo pronti a venire incontro a ogni necessità di chiarimento da parte dei Comuni. Riteniamo che questa partita si debba chiudere nell’unico modo possibile, favorendo, cioè, i dipendenti dell’ente per i quali i fondi sono stati stanziati, quindi con la dovuta attenzione per le politiche di tutto il personale”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

4 × 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.