“Caos rifiuti a Scicli, i cittadini sono stanchi”

“Mentre il Sindaco e la sua Amministrazione riescono ancora a raccontare la favola sulla raccolta differenziata, la città giace sui cumuli di rifiuti”. Questo è quanto asserito dai consiglieri comunali di Forza Italia,I. Mario Marino e Vincenzo Giannone, che non usano mezze parole nel definire drammatica la situazione dei rifiuti in città puntando il dito, in particolare, sull’Assessore Carpino definito dagli stessi sicuramente inadatto al ruolo.
“Pensano che difendere le ragioni dei cittadini che hanno diritto ad un servizio efficiente, visto anche le bollette salate che sono costretti a pagare, sia un dovere imprescindibile – dicono ancora i due consiglieri di centrodestra – . Il 2018 di Scicli invece passerà agli annali come l’anno dei rifiuti. I cittadini, i quali pagano la TARI, sono stanchi di assistere ad un degrado continuo che si consuma nelle campagne della Città, anche nelle zone limitrofe alle borgate.
Tutto ciò è assolutamente inaccettabile, sia per il decoro di Scicli e sia per le tasche dei nostri concittadini, i quali lavorano sodo e pagano le tasse al fine di ottenere anche regolari servizi dall’Ente Locale”.

In particolare, all’ingresso di Playa Grande strada dissestata, perdita idrica e cassonetti ricolmi e circondati da rifiuti non ritirati. Il tutto era stato già denunciato da Forza Italia Scicli lo scorso Maggio. Da allora non è cambiato praticamente nulla. Per amor di Patria, non entriamo nel merito delle altre borgate, che sono state abbandonate a loro stesse.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI