Modica, operazione “Natale sicuro”. Controlli in scuole e sale gioco della polizia

Controlli straordinari sul territorio modicano degli agenti del locale Commissariato di P.S. per garantire ai cittadini maggiore sicurezza nel prevenire e reprimere i reati predatori mediante specifici servizi e l’impiego di pattuglie e uomini.
Le unità cinofile antidroga provenienti da Catania hanno ispezionato le aule ed i bagni di due scuole medie superiori di Modica, rinvenendo in un caso, nel bagno delle donne, una dose di marijuana che è stata debitamente sequestrata a carico di ignoti.
Gli agenti hanno, inoltre, assicurato numerosi controlli su strade di questo comune ed in alcune contrade; nel corso di detta attività sono stati effettuati posti di controllo e sono state verificate numerose persone e veicoli con i moderni sistemi di verifica elettronica, anche nell’ottica della prevenzione degli incidenti stradali.
Solo negli ultimi giorni sono stati elevati 10 verbali di contravvenzione al codice della strada; in particolare sono stati sanzionati diversi guidatori sia per il costante uso del telefono cellulare, che per il mancato utilizzo del casco. Sei sanzioni per guida senza patente, mancata revisioni, mancato arresto allo stop. Sono state, infine, effettuate sei ispezioni personali su strada.
Ancora, nel settore della Polizia Amministrativa sono stati oggetto di controllo numerosi esercizi commerciali e ben 8 sale giochi con quattro contestazioni di violazioni amministrative ai sensi del T.U.L.P.S. per un importo di oltre 6 mila euro.
E’ stato, infine, tratto in arresto , a seguito di ordinanza applicativa di misura cautelare, E.R. di 19 anni, marocchino, regolare sul Territorio nazionale, pregiudicato, responsabile in tempi recenti di una serie di reati contro il patrimonio a Modica.
Il giovane era stato autore di rapina in danno di alcuni cittadini comunitari, armato di una bottiglia rotta ed introdottosi all’interno di un’ abitazione di Modica con persone all’interno. Aveva altresì tentato il furto presso la Chiesa del Santissimo Salvatore. Nella circostanza le immagini registrate all’interno del luogo sacro consentivano di identificare il giovane maghrebino mentre si dava alla fuga.
Dopo la sottoposizione ai domiciliari il ragazzo aveva più volte disatteso le prescrizioni imposte tanto da indurre l’autorità giudiziaria ad emettere un’ordinanza di misura maggiormente afflittiva per cui veniva emessa dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari apposito dispositivo.
L’arrestato è stato tradotto presso la casa Circondariale di Ragusa.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI