Scicli ricorda le vittime delle mafie il 19 marzo

Ricordare le vittime di tutte le mafie. Anche Scicli parteciperà all’iniziativa di “Libera”, in programma il 21 marzo in tutta Italia, con un momento prodromico lunedì 19 marzo.
Su iniziativa del Coordinamento Provinciale di Libera, l’amministrazione comunale ha organizzato, infatti, una manifestazione che si snoderà dalle 9 del mattino in Largo Gramsci, con il coinvolgimento delle scuole di ogni ordine e grado, e la lettura dell’elenco delle vittime innocenti delle Mafie.
Alle 10, in piazza Municipio, un momento di riflessione.
Ogni anno dal 1996, Libera celebra il 21 marzo, primo giorno di primavera, la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Nasce dal dolore di una mamma che ha perso il figlio nella strage di Capaci e non sente pronunciare da nessuno il suo nome. Un dolore che diventa insopportabile se alla vittima viene negato anche il diritto di essere ricordata con il proprio nome. Il 21 marzo, vengono letti i nomi delle vittime innocenti delle mafie, un lungo elenco che scandisce la memoria che si fa impegno quotidiano. Recitare i nomi e i cognomi come un interminabile rosario civile, per farli vivere ancora, per non farli morire mai. Il 21 marzo: perché in quel giorno di risveglio della natura si rinnovi la primavera della verità e della giustizia sociale, perché solo facendo memoria si getta il seme di una nuova speranza.
A Scicli il momento cittadino di ricordo è stato fissato due giorni prima per lanciare l’evento nazionale.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI