Cerca
Close this search box.

L’Avimecc Volley Modica torna a scuola

Oggi il secondo appuntamento all'Istituto Comprensivo “Poidomani” per parlare di fair play nello Sport e non solo
Tempo di lettura: 2 minuti

Entusiasmo e voglia di giocare con i propri beniamini. È quello che hanno trasmesso oggi gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Raffaele Poidomani” che hanno incontrato i rappresentanti dell’Avimecc Volley Modica, nell’ambito del secondo dei tre incontri previsti per parlare di Fair Play non solo nello sport ma nella vita quotidiana.

A rappresentare i colori della squadra modicana che milita nel campionato di Serie A3, oltre al presidente Ezio Aprile e al Direttore Generale Luca Leocata, anche il capitano Stefano Chillemi, Andrea Raso, Daniele Buzzi e il giovane Antonio La Rocca, che dopo aver parlato di schemi e altro sono entrati in campo per far capire ai giovani studenti come ci si comporta e come si deve avere rispetto oltre che per gli avversari e gli arbitri anche per i propri compagni.

“Il progetto Fair Play che prevede tre incontri con i rappresentanti dell’Avimecc Volley Modica – spiega la professoressa Elisabetta Cerruto, insegnante di educazione fisica e referente per i progetti legati allo sport dell’Istituto comprensivo Poidomani – è stato accolto con entusiasmo dai nostri studenti. Il primo incontro è stato interessantissimo, infatti, hanno partecipato con grande interesse e curiosità, oggi si leggeva nei loro volti l’emozione di giocare insieme agli atleti e questo ci fa capire che l’iniziativa è stata accolta in modo positivo”.

Tra i più felici di vivere questa giornata in mezzo agli studenti il centrale Daniele Buzzi.

“Incontrare i ragazzi delle scuole medie – spiega Daniele Buzzi – è stato molto divertente. Abbiamo parlato un po’ di pallavolo, delle rotazioni e dei fondamentali e poi abbiamo giocato insieme e fatto provare come ci si allena. Lavorare con i ragazzi è sempre un piacere e speriamo che di queste iniziate interessanti per lo sport siano sempre più frequenti nelle scuole”.

“Il neonovellato articolo 33 della Costituzione – spiega la dirigente scolastica dell’istituto Veronica Veneziano -corrisponde perfettamente all’obiettivo 3 dell’Agenda 2030, in termini di promozione alla salute e del benessere, fattori fondamentali e determinanti, sia per la crescita degli adolescenti,sia per lo sviluppo cognitivo e sociale. Lo sport -continua – è una forma di conoscenza, rende attivi gli adolescenti, li aggrega, li stimola al rispetto reciproco dell’altro; in questo il fair play ha un alto valore educativo perchè insegna comportamenti leali, rispettosi, etici e tali comportamenti sono quelli che servono negli altri contesti per creare una società civile, per crescere cittadini responsabili. Sport ed educazione civica – conclude la dottoressa Veneziano – dunque, costituiscono il connubio ideale della didattica, mezzi per raggiungere la piena inclusione sociale”.

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top