Cerca
Close this search box.

Haiti. Linciati 8 membri di una gang dopo assalto all’ospedale

Tempo di lettura: 2 minuti

di Giannino Ruzza

Stanca per le repressioni e violenze subite quotidianamente,  la popolazione di Haiti continua a ribellarsi e a ribattere colpo su colpo alle invasioni dei suoi territori da parte delle gang armate, in quella che gli abitanti hanno definito l’operazione “Bwa kale”. Una reazione vigorosa nei confronti del banditismo dilagante nelle aree circostanti la capitale Port au Prince, costata la vita a otto delinquenti seriali componenti della banda denominata dei “5 secondi”, letteralmente linciati dalla popolazione, dopo che il giorno prima avevano assaltato con armi automatiche le cittadine di Mirebalais e di Saut d’Eau, a nord-est di Port-au-Prince,  mettendo a ferro e fuoco l’ospedale. Una caccia all’uomo che è ancora in corso da parte della popolazione che continua a setacciare l’area alla ricerca dei restanti membri della banda. L’informazione è stata confermata dall’ex deputato della circoscrizione elettorale di Mirebalais-Boucan Carré, Abel Descolines. Diversi “banditi sono crepati malamente” ha ribadito l’ex parlamentare, precisando che l’operazione è in progress. “Gli abitanti dei comuni di Vilage Espérance, Gilbert e Gauthier, si sono mobilitati per liberare il comune da questi delinquenti, ha aggiunto Abel Descolines, che rende omaggio al coraggio della popolazione di Mirebalais”. L’attacco all’ospedale, del giorno prima, aveva creato forti tensioni e seminato il panico tra il personale infermieristico e i pazienti ricoverati all’Ospedale Universitario di Mirebalais. Una conseguenza di anni di terrorismo incontrollato che ha costretto la popolazione a farsi giustizia da sé, che dallo scorso aprile è riuscita a mandare al Creatore, 250 banditi, esasperata dalla prepotenza e violenza messa in atto dalle gang nei loro quartieri. L’attacco all’ospedale di Mirabalais arriva pochi giorni dopo che i leader delle principali coalizioni dei gruppi armati, come il GPEP e il G9, avevano annunciato una tregua per facilitare la ripresa delle attività ad Haiti. Le due coalizioni armate ora, vista la mala parata e le decise ritorsioni degli abitanti, affermano di essere unite in un’associazione chiamata Vivre Ensemble (Vivere Insieme). Da diversi giorni la città di Saut d’Eau è oggetto di ripetuti attacchi da parte delle bande del Village de Dieu (nel cuore di Port-au-Prince), in cui sono morti almeno una dozzina di civili. Prima o poi anche quell’area dovrà essere bonificata. E la polizia? Lascia che s’ accoppino tra loro, frenata dalle tante perdite subite.

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top