Cerca
Close this search box.

A Scicli la mostra di Giorgio Modica con la presenza di Sgarbi

Tempo di lettura: 2 minuti

Inaugura sabato sera, alla galleria Koinè, in via Mormina Penna a Scicli, la mostra delle opere del pittore modicano Giorgio Modica, oggi ultranovantenne, artigiano delle decorazioni nei palazzi nobiliari della provincia e artista.

Al vernissage, previsto per le 19, sarà presente il critico d’arte Vittorio Sgarbi. Giorgio Modica collaborò alla realizzazione del tondo del teatro Garibaldi, con Piero Guccione.

E di lui Guccione scrisse: “Caro Giorgio,

ho preferito la semplicità della forma epistolare per rispondere alla domanda, con un breve commento sulla tua pittura, poiché non sono “un addetto ai lavori” della parola scritta o parlata: giusto o incontestabile dominio dei critici, che già egregiamente ti presentano nel volume monografico che andrà ora in stampa. Poi perché ti sono amico, da tanti anni ormai; e inoltre facciamo lo stesso mestiere; usiamo gli stessi attrezzi e ci serviamo della stessa materia: vale a dire i colori e l’immaginazione.

Insomma, c’è abbastanza di che consentirmi un modo più confidenziale di corrisponderti, qual è appunto quello di una lettera.

Non a caso prima ho detto mestiere. Quasi a sottolineare la inattualità del nostro lavoro, visto che oggigiorno nessuno parla, né si vuole più saperne di mestiere, come se i mestieri, in genere, fossero forme sconvenienti dell’esistere. Viceversa, penso che proprio questa è una delle vie (uno dei malintesi della modernità) per le quali il mondo, quello nostro, che implicitamente dobbiamo chiamare secondo-dire primo sarebbe troppo-, tutto sommato e nonostante le apparenze diviene più povero.

Considerazione di cui Edgar Wind forse ha tenuto conto nella sua nota riflessione, secondo la quale la particolare drammaticità dell’arte moderna, il suo malessere e disagio derivano dal fatto che nelle società contemporanee é venuto meno il principio della committenza individuale, quella che una volta si chiamava “mecenatismo”. Pertanto, bisogna inventarsi ogni mattina un quadro e anche il modo di farlo (effimero simulacro del mestiere) per un ipotetico e casuale compratore che non ha volto e di cui non conosciamo le idee né il gusto.

Di questa mancanza, di questa assenza di orientamenti, di questa “libertà” illimitata e indifferente, quanto indifferenziata abbondanza di proposte che arrivano giornalmente sul tavolo del consumatore, in qualche modo la pittura continua a pagare il suo tributo, con quella scarna geometria della desolazione di cui anche certi tuoi paesaggi e oggetti sono chiara testimonianza.

Se fosse consentito sognare, caro Giorgio, dovremmo augurarci di tornare a calcare gli antichi palchi, unti di colore, eretti nel silenzio di una chiesa o patrizia dimora, per raccontare ancora sui muri e soffitti tutte le meraviglie e i fasti del creato: fra nuvole e putti dorati, festoni d’alloro o finte ma opulenti geometrie, a testimoniare invece tutte le allegrezze di un mestiere esclusivo e superbo.

Affettuosamente, tuo Piero Guccione”.

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top