Modica, il bilancio del 2020. Aiuti per oltre 3 milioni di euro

Il resoconto di fine anno del Sindaco Abbate
Tempo di lettura: 2 minuti

Cercare di fare un bilancio di un anno come il 2020 è impresa ardua, per non dire impossibile. Un anno che passerà comunque ai libri di storia, un anno che ha travolto la nostra vita, ci ha rubato la nostra quotidianità, ci ha allontanato dai nostri affetti e dalla vita come l’abbiamo sempre concepita. Modica, come tutti del resto, è stata travolta dalla pandemia anche se per larghissimi tratti ha rappresentato un’isola felice dove il rispetto delle regole e il buon senso dei nostri concittadini hanno contribuito a contenere l’emergenza tenendo numeri relativamente bassi rispetto al resto della Regione. In quest’anno così disgraziato e speriamo irripetibile abbiamo riscoperto, però, il senso di appartenenza alla comunità, l’altruismo, l’aiuto per chi soffre. Quel senso di mutuo soccorso che dovrebbe essere alla base di ogni moderna civiltà. Abbiamo (ri)scoperto la qualità del nostro Ospedale Maggiore che ha resistito anche nei momenti più bui offrendo un esempio di professionalità e specializzazione da far invidia alle strutture più all’avanguardia del nord Italia. Tutti, quest’anno, abbiamo sentito il dovere morale di fare di più e anche come Amministrazione Comunale abbiamo impegnato ogni nostra energia fisica, morale ed economica per rendere quest’anno meno pesante e soprattutto per far sentire i nostri concittadini meno soli. Basti pensare che, se parliamo dell’aspetto economico, in poco più di 9 mesi abbiamo messo sul piatto aiuti economici per circa 3 milioni di euro. Un intervento così importante non si era mai visto prima nella storia della nostra Città. Misure che vanno dal pagamento della quota del 40% degli affitti commerciali relativi ai mesi di marzo, aprile, novembre e dicembre allo sconto del 70% sulla bolletta Tari unita al mancato recapito del saldo Tari 2020. Abbiamo proseguito con l’esenzione dell’occupazione del suolo pubblico di ogni genere, il pagamento degli interessi passivi sui prestiti alle aziende 2020 ed il Bonus una tantum a Taxi ed NCC. Per quanto riguarda gli aiuti ai privati, ricordo il pagamento del canone di affitto dei mesi di marzo, aprile e maggio, i buoni spesa per un valore che da solo si aggira sui 700 mila euro, il rinvio del canone idrico 2020 al prossimo anno, il rimborso totale del costo del trasporto pubblico per l’a.a. 19-20. Senza contare l’assistenza ai cittadini durante il lockdown con servizi dedicati di assistenza alla persona in difficoltà economica e psicologica. In nome della prevenzione, ormai da diverse settimane abbiamo avviato in collaborazione con l’ASP una enorme campagna di screening di massa, con circa 15 mila tamponi effettuati da ottobre ad oggi. Parallelamente abbiamo cercato di mantenere una parvenza di normalità anche nel campo dei lavori pubblici dove spiccano la ristrutturazione del Teatro Garibaldi, la realizzazione di nuovi impianti di illuminazione per circa 10 km, la pavimentazione per decine e decine di chilometri di strade urbane ed extraurbane, la creazione di una nuova rete idrica a Modica Alta, il rifacimento artistico di Via Egitto con basole in pietra, la riqualificazione della centralissima Piazza Mazzini, la ristrutturazione della Piscina Comunale i cui lavori termineranno il prossimo mese di gennaio, l’ adeguamento Covid e la ristrutturazione di tutti gli edifici scolastici di nostra competenza. Nel capitolo sport, così tanto bistrattato quest’anno, abbiamo incluso il rifacimento dei campetti di quartiere a Modica Alta, Dente, Frigintini e Sorda. La ristrutturazione del geodetico di Modica Alta, il completamento della cittadella dello sport Raffaele Poidomani e i lavori di miglioria al Polisportivo Pietro Scollo. Aggiungiamoci anche la ristrutturazione della villetta Silla, l’affidamento alla nuova gestione del servizio di sosta a pagamento, il rifacimento dell’arredo urbano (passerelle, attrezzature sportive, docce) a Marina di Modica e Maganuco. La manutenzione ordinaria e straordinaria di Cava Ispica, la creazione di un impianto fognario in c.da Musebbi, l’abbattimento delle barriere architettoniche di Via Sacro Cuore e completamento dei marciapiedi, la realizzazione del cortile interno del Castello dei Conti. In un anno senza manifestazioni ed eventi, da sottolineare ancora di più l’importanza che ha rivestito e rivestirà in futuro l’emissione del Francobollo dedicato al Cioccolato di Modica IGP. Una piccola parentesi felice in un anno buio che però ci deve far sperare per il 2021 quando, se riusciremo a superare l’emergenza sanitaria, assisteremo ad una ripresa fortissima dell’economia cittadina trainata dal turismo. Noi ci crediamo tantissimo e abbiamo già messo in cantiere diverse opere ed iniziative che andranno proprio nell’ottica della ripartenza, la parola chiave del 2021. Ripartire da quello che di buono abbiamo dimostrato in questo 2020, ripartire da quel senso di appartenenza che ancora di più ci ha fatto sentire orgogliosi di essere modicani.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI