Appello di tre sindaci: “Potenziare terapia intensiva”

La richiesta dei Sindaci di Pozzallo, Scicli e Chiaramonte Gulfi
Tempo di lettura: 2 minuti

Il numero dei contagiati al covid-19 in provincia di Ragusa e in Sicilia, oltre all’imminente inizio della stagione autunnale, presuppongono una organizzazione della rete ospedaliera e un numero di posti letto di terapia intensiva tali da affrontare eventuali emergenze sanitarie che speriamo non si verifichino.
Attualmente in provincia di Ragusa i posti letto in terapia intensiva sono 18: 8 a Ragusa, 5 a Modica e 5 a Vittoria.
Nella nuova rete ospedaliera approvata lo scorso anno, dovrebbero invece essere 30: 14 a Ragusa, 8 a Modica e 8 a Vittoria.
Il Decreto dell’Assessorato Regionale alla Salute numero prot. 39143 del 11/9/2020, prevede ulteriori 14 posti letto di terapia intensiva covid-19 all’OMPA di Ragusa.
In linea di massima, il numero dei posti letto in terapia intensiva sulla carta, potrebbero essere sufficienti per affrontare eventuali emergenze di pazienti covid-19 con gravi problemi respiratori.
Il problema che ci si pone, affermano congiuntamente i Sindaco di Pozzallo, Scicli e Chiaramonte Gulfi, è quello dei tempi di attivazione dei nuovi posti letto.
Attualmente su 66 medici anestesisti previsti in provincia, quelli presenti sono soltanto 32 e a fronte di 44 posti letto previsti c’è ne sono attivati soltanto 18.
Ammatuna, Giannone e Gurrieri pretendono risposte chiare e precise e tempi certi dal Direttore Generale dell’ASP di Ragusa e dall’Assessore Regionale alla Salute On. Ruggero Razza.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI